KIA Picanto 1.0 T GDI X Line: la prova su strada

Abbiamo guidato il crossover da città realizzato da KIA con il brioso 3 cilindri 1.0 turbo a benzina dalle prestazioni decisamente brillanti.

La moda dei crossover non conosce barriere e così anche tra le city car sono sempre di più le proposte con assetto rialzato e protezioni del sottoscocca, dopo tutto il manto stradale delle grandi città spesso è dissestato, ragion per cui queste genere di vetture uniscono l’aspetto intrigante ad una certa praticità. La proposta di KIA risponde al nome di Picanto X Line e vanta un potente propulsore turbo da 1 litro a tre cilindri. L’abbiamo provata nelle strade di Roma dove le buche non mancano di certo.

Esterno: più alta e sofisticata

La linea della Picanto riceve un certo beneficio dal trattamento crossover infatti è più accattivante grazie alle protezioni sotto scocca che si estendono ai passaruota. Inoltre, l’altezza da terra cresciuta di 15 mm le conferisce maggiore personalità al punto da farla sembrare più grande di quanto sia in realtà. Per il resto la piccola della Casa coreana, lunga appena 3,60 metri, larga 1,60 metri ed alta 1,48 metri, mantiene il family feeling con la tipica griglia tiger nose, e l’originale taglio dei gruppi ottici, ma si arricchisce dei cerchi in lega da 16 pollici e di ambiziose cromature.

Interno: spaziosa per quattro

La KIA Picanto X Line mantiene un’abitabilità capace di soddisfare le esigenze di 4 persone, ma, volendo, è possibile ospitare anche un quinto passeggero. La plancia ha un disegno piacevole e moderno e si presenta piuttosto ricca con il display in stile tablet nella zona alta, mentre non mancano nella parte bassa le prese USB, AUX e 12V ed uno spazio per riporre lo smartphone. Comode le cinture di sicurezza regolabili, meno pratiche invece le regolazioni a scatto degli schienali dei sedili. Con il pacchetto premium inoltre, l’abitacolo si può arricchire con i sedili in pelle, il navigatore e persino la ricarica wireless. A livello di bagagliaio sono 255 i litri disponibili che possono diventare 1010 litri abbattendo il divano posteriore.

Al volante: il 3 cilindri è brioso ma si fa sentire

Con 101 CV che spingono un peso di 864 kg la verve non manca di certo alla Picanto X Line che sfrutta il piccolo 3 cilindri turbo da 1 litro per scattare da 0 a 100 km/h in poco più di 10 secondi e tocca una punta massima di 180 km/h. Tutto questo rimanendo in linea con la normativa antinquinamento Euro 6d-temp. L’unico appunto a questa unità riguarda il sound che in accelerazione è sempre avvertibile riducendo, in parte, un comfort generale decisamente apprezzabile. Infatti, la vettura digerisce bene le asperità anche se garantisce una certa stabilità in curva e le sedute risultano comode. Nel quadro generale il cambio manuale a 5 rapporti è ben accordato con il motore anche se la corsa della leva risulta abbastanza lunga. Infine, il consumo si attesta sui 13 km/l in città, dove comunque l’andatura irregolare e le improvvise accelerazioni pregiudicano una media che, nei percorsi extraurbani, è di circa 15 km/l.

Prezzo: 15.200 euro

La KIA Picanto X Line ha un costo di 15.200 euro che riflette una dotazione di serie importante con accessori quali i cerchi da 16 pollici, il climatizzatore manuale ed il sistema multimediale con schermo da 7 pollici e retrocamera. Volendo si può integrare con il pacchetto premium che aggiunge gli interni in pelle, la ricarica wireless ed il navigatore, per ulteriori 900 euro, e con il pacchetto driving assistance che, per 600 euro, include la frenata automatica d’emergenza.

Kia Picanto 1.0 T GDI X Line: la prova su strada Vedi tutte le immagini
7.3
8
7
8
7
6.5

Pro

I Video di Motori.it

Kia Xceed: la prova su strada

Altri contenuti