Nissan Qasqhai 1.6 dCi 2WD CVT: la prova su strada

Al volante del crossover di successo di Nissan rivisto nell’estetica e dotato di tecnologia ProPilot per agevolare la vita dell’automobilista.

La Nissan Qashqai è un’auto di successo, il crossover di segmento C di riferimento, e per rimanere al vertice della categoria si evolve adottando un insieme di aiuti alla guida racchiusi nella sigla ProPilot. L’abbiamo provata con il 1.6 dCi da 130 CV abbinato al cambio automatico CVT.

Esterno: ha uno sguardo più incisivo

Con il restyling la Qashqai è cambiata nella zona del frontale dove riprende il disegno della calandra introdotto dalla Micra. Infatti, la V cromata è annegata in una superficie nero lucida e spicca in maniera importante. Belli anche i cerchi in lega con gommatura ribassata, mentre per il resto lo stile è rimasto quello della seconda generazione che slancia la vettura al retrotreno attraverso la forma del terzo finestrino posteriore e del passaruota muscoloso che origina dalla firma luminosa. Completano il quadro lo spoiler sul bagagliaio e le tante superfici cromate che impreziosiscono la carrozzeria.

Interno: più comoda e sportiva

L’abitacolo della Qashqai ha ottenuto dei piccoli ma significativi cambiamenti in seguito al restyling. Il volante è diventato più sportivo visto che è tagliato in basso, mentre i sedili sono cambiati per favorire il comfort di marcia. Nel complesso la plancia ha mantenuto il disegno che conoscevamo con il display dell’infotainment al centro di semplice utilizzo. Nella zona anteriore lo spazio è abbondante anche in altezza, mentre dietro i più alti potrebbero sfiorare il cielo della vettura. In compenso possono beneficiare delle bocchette d’areazione. Invariato il bagagliaio dalla soglia di carico comoda e dalla capienza di 430 litri.

Al volante: tanta sicurezza in più

Con il sistema ProPilot arrivano anche sul crossover giapponese il cruise control adattivo e l’assistenza per rimanere in carreggiata. Infatti, tramite una telecamera alloggiata nel parabrezza ed un radar posizionato dietro il logo Nissan, l’auto tiene sempre sotto controllo il traffico circostante, in particolare lo spazio che intercorre tra lei e gli altri veicoli, monitorando le condizioni di traffico e della strada fino a 140 m, persino di notte, e rilevando eventuali ostacoli fino a 170 m di distanza. Volendo, è in grado di fermarsi autonomamente quando il flusso veicolare rallenta e di ripartire, sempre in autonomia, nell’arco di 3 secondi. Ma non è tutto, perché se il guidatore non interviene sullo sterzo dopo gli avvisi di rito, superata la soglia dei 30 secondi, la vettura aziona le quattro frecce e si ferma. Non si tratta di guida autonoma vera e propria ma di un valido apporto alla sicurezza che viene attivato tramite il pulsante apposito sulla razza destra del volante. Questi sistemi rendono ancora più godibile la guida di questa compatta a ruote alte spinta dal valido 1.6 dCi da 130 CV e 320 Nm di coppia: valori adeguati alla massa in gioco soprattutto con l’apporto del cambio automatico CVT a variazione continua che distende il motore favorendo una marcia fluida. Per il resto ritroviamo una tenuta di strada adeguata, garantita da solidi appoggi, e consumi che si aggirano nell’ordine di 16 km/l.

Prezzo: da 35.600 euro

La Qashqai della nostra prova è dotata di tutto punto, visto che è la Tekna+, per questo il listino di oltre 35.000 euro può risultare importante. Inoltre, con il sistema ProPilot ed il cambio automatico a variazione continua cresce ulteriormente ma comporta un guadagno sostanzioso in termini di comfort e comodità.

Nissan Qashqai proPILOT Vedi tutte le immagini
7.6
8
8
7.5
7.5
7

Pro

I Video di Motori.it

Nissan Qashqai 2021

Altri contenuti
Nissan Micra GPL: dotazioni e prezzi
Carburanti

Nissan Micra GPL: dotazioni e prezzi

La nuova versione eco friendly porta in dote l’unità motrice 1.0 IG-T 92 da 90 CV e 160 Nm, con impianto elettronico ad iniezione sequenziale BRC, per una percorrenza dichiarata di oltre 1.000 km: tutti i dettagli.