Renault Megane Grand Coupé 1.5 dCi EDC VS Megane Sporter 1.5 dCi EDC

La variegata gamma Megane mostra la sua forza con la nuova berlina e una Sporter “tutto fare”. Le abbiamo provate accuratamente, per capire il loro carattere e apprezzarne le diverse qualità.

La Renault amplia la gamma Megane con la Grand Coupé, una berlina dal carattere sportivo ed elegante, che offre anche una grande capacità di carico e rappresenta un’alternativa a chi non vuole la classica 5 porte. L’abbiamo provata con il motore 1.5 dCi da 110 CV abbinato al cambio automatico EDC, una combinazione decisamente azzeccata ed intrigante. E per testarla in maniera più completa, l’abbiamo messa a confronto con la sorella Sporter che offre una maggiore praticità per i bagagli.

Esterno: linee dinamiche e sportive

L’aspetto della Megane Grand Coupé è decisamente riuscito: meno pesante dal punto di vista stilistico rispetto alla Talisman, risulta slanciata nella zona posteriore, a cominciare dai montanti inclinati. Il frontale è lo stesso della Megane che conosciamo, ma la fiancata dice qualcosa di diverso, infatti la berlina è più lunga (arriva a 4,63 m), e il posteriore intriga con l’accenno di spoiler proprio al di sopra dei gruppi ottici. Le firme luminose sono quelle caratteristiche a LED introdotte dalla Talisman, mentre i cerchi da 18 pollici completano una siluette dal sapore sportivo. La variante wagon offre la stessa lunghezza e persino lo stesso passo, 2,71 metri, quindi anche lei ha cm preziosi in più rispetto alla 5 porte, ma differisce dalla Grand Coupé per la zona posteriore dal design  più massiccio, che tuttavia, senza essere altrettanto elegante, è senza dubbio molto piacevole.

Interno: la differenza è nel bagagliaio

L’abitacolo della Megane Grand Coupé cambia soprattutto nella zona posteriore, dove c’è tanto spazio per le ginocchia dei passeggeri, mentre i montanti inclinati portano il tetto a sfiorare la testa dei più alti. Ampio il bagagliaio, che può contare su una capacità di carico di 550 litri ed è disponibile anche con l’apertura hands-free. La plancia riprende quella della Megane “convenzionale”, con il grande schermo verticale da 8,7 pollici in bella vista. Mentre il sistema multimediale è davvero completo, e consente di cambiare le modalità di guida, l’illuminazione interna e persino di gestire la climatizzazione, ma bisogna familiarizzare con le tante voci per utilizzarlo comodamente in marcia. Belli e comodi i sedili, che offrono un buon contenimento laterale ed un sostegno morbido e consistente durante i lunghi viaggi. In questo contesto la Sporter può vantare una zona posteriore che offre più spazio alla testa degli occupanti, ma soprattutto su un bagagliaio che offre 30 litri in più in configurazione 5 posti ed arriva fino a 1.695 litri abbattendo il divano posteriore. Per cui, se la vostra esigenza è quella di trasportare oggetti ingombranti nel lavoro e nel tempo libero, rappresenta una scelta vincente, mentre se avete bisogno solamente di un vano capiente, allora anche la Grand Coupé può fare al caso vostro.

Al volante: caratteri simili ma non uguali

Il nome Grand Coupé evoca di sicuro auto dalle prestazioni importanti, ma quella della nostra prova è spinta dal “piccolo” 1.5 dCi da 110 CV e 220 Nm, che funziona molto bene con il cambio EDC a doppia frizione a 6 marce, e deve fare i conti con un peso di oltre 1.400 kg. Una massa che si fa sentire in ripresa ed accelerazione, come riferisce il cronometro che si ferma a 12,5 secondi nello scatto da 0 a 100 km/h. Selezionando la modalità Sport, si può rendere più pesante il volante e più reattivo il motore quando si incontra un tratto misto, in modo da sfruttare l’appoggio garantito dalle grandi ruote da 18 pollici, ma per ottenere più brio è meglio rivolgersi al 1.6 dCi da 131 CV. In compenso, i consumi sono contenuti, visto che è difficile scendere al di sotto di 17 km/l. Le percorrenze sono speculari anche con la Sporter, che paga alla Grand Coupé appena 2 decimi in accelerazione. Dopo tutto, la meccanica è identica, ma i cerchi da 16 pollici consigliano di tenere un’andatura più turistica, anche per via dei trasferimenti di carico da tenere in considerazione quando si ha il bagagliaio pieno. Ecco, con questa configurazione di carrozzeria il motore 1.5 dCi è di sicuro la scelta vincente, anche per l’abbinamento con il cambio EDC, che rispecchia in pieno l’indole dell’auto.

Prezzo: da 26.850 euro

Il prezzo della Megane Grand Coupé Intens Energy della nostra prova è di 26.850 euro, un listino che annovera una dotazione importante, che va dal sistema multimediale, con tanto di navigatore, fino ai cerchi di 18 pollici, passando per il climatizzatore automatico bi-zona ed il tetto panoramico. Inoltre il cambio automatico a doppia frizione rappresenta un valore aggiunto non indifferente. La Sporter, nel medesimo allestimento, che per noi è il più indicato, non può beneficiare del tetto panoramico di serie, e presenta dei cerchi da 16 pollici, ma comunque ha un listino leggermente superiore, di 27.350 euro, dovuto alla sua praticità. Quindi la sfida si risolve in parità, con un leggero vantaggio per la Grand Coupé nella dotazione e nel listino ed una migliore duttilità della Sporter che, volendo, può essere scelta nelle più ricche variante Energy Bose e GT-Line, o con il 1.6 dCi da 165 CV ed il sistema 4Control riservato alla GT.

Renault Megane Grand Coupé 1.5 dCi VS Megane Sporter 1.5 dCi Vedi tutte le immagini
7.5
8.5
8
7
8
7

Pro

I Video di Motori.it

Renault Arkana

Altri contenuti