Toyota CH-R 2.0 Hybrid: la prova su strada

Con il restyling la CH-R guadagna la potente motorizzazione 2 litri che rende più sportiva la guida ibrida

La Toyota punta forte sulla CH-R, un SUV ibrido dalla linea originale e dinamica che adesso, con il restyling, guadagna una power unit più generosa, grazie all’unità termica da 2 litri, capace di erogare 184 CV mantenendo contenute le emissioni di Co2. L’abbiamo guidata per scoprire come è cambiata adottando una maggiore cavalleria.

Esterni: cambia poco ma in meglio

Il recente restyling ha portato in dote alla CH-R nuovi gruppi ottici full LED anteriori e fari a LED dalla grafica rivista dotati di frecce dinamiche al posteriore. Cambia anche il disegno dei paraurti e di conseguenza i fendinebbia si trovano posizionati più in alto rispetto a prima. Per il resto, la linea è rimasta sostanzialmente invariata, anche perché è una delle più originali nella categoria. Quindi continua ad apparire come un SUV coupé grazie al tetto che scende in maniera importante sul retro della vettura dove è in evidenza uno spoiler di grandi dimensioni.

Interni: qualche rinuncia in nome del design

Chiaramente le forme audaci costringono a qualche compromesso a livello di abitabilità nella zona posteriore, infatti l’accessibilità non è delle migliori e lo spazio sopra la testa è limitato, ampia possibilità di movimento invece per le ginocchia, ma c’è poca luce a causa dei finestrini poco ampi. Anche il bagagliaio con i suoi 358 litri risente del design, ma può sfoggiare un vano regolare con tanto di ganci e scomparti. La plancia mantiene il disegno conosciuto ma le superfici morbide, le finiture in nero lucido e, in generale, una qualità dei materiali superiore, sottolinea lo sforzo da parte degli uomini Toyota di impreziosire l’insieme. Considerando il design della CH-R, una strumentazione digitale sarebbe stata accolta con piacere dalla clientela, ma le due coppe con il display centrale al centro consentono comunque una rapida consultazione, Non mancano i vani portaoggetti, e quello dove riporre lo smartphone, anche se l’avremmo preferito più grande e dotato di ricarica wireless. Nella parte centrale della plancia invece spicca il display del sistema d’infotainment da 8 pollici, che si gestisce in maniera intuitiva come gli smartphone a cui può collegarsi tramite Android Auto ed Apple CarPlay. Ci sono anche dei tasti fisici per richiamare le voci principali ai lati dello schermo decisamente pratici.

Al volante: brillante, parca, e confortevole ma occhio alla visibilità in città

La Toyota ha investito molto per migliorare ulteriormente la sua power unit, al punto che adesso per l’80% del tempo la CH-R marcia ad impatto zero utilizzando l’unità elettrica da 80 kW e 202 Nm di coppia. In autostrada veleggia non appena si procede ad andatura costante e non è certo raro, in questi frangenti, l’intervento del propulsore elettrico. In questo modo i consumi nel ciclo misto si attestano su un dato lusinghiero: 5,6 l/100 km: niente male considerando che questa variante più potente da 184 CV, con motore termico 2 litri, va da 0 a 100 km/h in 8,2 secondi. Tutto questo è possibile grazie all’adozione di una batteria al nichel-metallo idruro da 188 celle e 216 V di voltaggio nominale che consente anche di limitare le emissioni di Co2 ad appena 92 g/km di Co2. Comoda e precisa in curva, la CH-R più potente vanta una dinamica brillante ed un buon assorbimento delle sospensioni, mentre la trasmissione è migliorata notevolmente, riducendo, di molto quel trascinamento tipico di questo meccanismo epicicloidale. Volendo, si può viaggiare anche in modalità elettrica per circa 3 km, e questo l’agevola in città, dove però deve fare i conti con una visibilità sulla ¾ posteriore limitata.

Prezzo: da 32.250 euro

La Toyota CH-R 2.0 Hybrid ha costo d’accesso di 32.250 euro per la versione Comfort, mentre la più ricca variante Premiere, al vertice della gamma, comporta un esborso superiore di 5.000 euro per un totale di 37.250 euro. La più equilibrata comunque è la Trend, che ha un listino di 33.250 euro, e vanta una dotazione comprensiva di accessori importanti come il cruise control adattivo, la retrocamera, il sistema multimediale Toyota Touch 3, i cerchi in lega da 18 pollici ed altro ancora. Ovviamente, considerando la sua natura ibrida ed il quantitativo ridotto di emissioni, il prezzo varia in base ai contributi ed alle promozioni in corso.

Toyota C-HR 2.0 Hybrid, la prova su strada Vedi tutte le immagini
8.4
9
8.5
8
9
7.5

Pro

I Video di Motori.it

EuroNCAP Crash Test: Toyota Yaris 2020

Altri contenuti