Volkswagen Golf 1.5 TGI: la prova su strada

Consumi da record a metano ma occhio al serbatoio di benzina che contiene appena 9 litri di carburante.

La Golf 8 è ormai realtà, ma intanto la Golf 7 è ancora disponibile ed ha portato a battesimo il nuovo motore 1.5 turbo benzina che, nella variante a metano, identificata dalla sigla TGI, promette consumi da record. L’abbiamo provata a lungo riscontrando percorrenze a dir poco interessanti oltre alle tante qualità insite in ogni Volkswagen Golf.

Esterni: una delle Golf più belle

L’estro di De Silva si vede e si percepisce da ogni angolazione, l’auto che tolse il sonno al noto designer, come lui stesso aveva dichiarato, ha retto bene il trascorrere del tempo, al punto che la Golf 8 è un’evoluzione della 7. Diverso è stato il discorso per quest’ultima, che fu rivista profondamente rispetto alla 6. Il frontale è slanciato, la fiancata è filante e dietro i gruppi ottici le conferiscono ulteriore personalità; più bassa in confronto alla 6, sopratutto con un tetto che scende in maniera più importante, la Golf 7 lascia trasparire un’immagine di dinamismo e solidità enfatizzata anche dalla precisione degli accoppiamenti dei pannelli della carrozzeria. Il bello di quest’auto è che si capisce subito che è una Golf e lo stile coniuga alla perfezione tradizione e modernità.

Interni: ben fatto ma lascia percepire l’età del progetto

L’abitacolo della Golf è sempre un ambiente piacevole in cui viaggiare: c’è spazio in abbondanza, il bagagliaio è ampio il giusto e ben conformato, e sia le plastiche che i rivestimenti dei sedili sono di qualità. Nell’esemplare del nostro test però, l’assenza della strumentazione digitale, disponibile con il restyling della Golf 7, il volante meno verticale rispetto ad alcune concorrenti più recenti, e la posizione del pur validissimo display centrale per l’infotainment, sottolineano le diverse primavere che l’auto ha sulle spalle. Comunque, l’insieme funziona molto bene, le informazioni giungono al conducente in maniera immediata e lo schermo del sistema multimediale risulta molto recettivo. All’apparenza è come tutte le altre Golf ma il doppio indicatore di carburante, uno per il metano e l’altro per la benzina, sottolineano la sua natura bifuel, anche se è stata realizzata per funzionare praticamente a metano, visto che il serbatoio di benzina è di appena 9 litri.

Al volante: consumi irrisori e piacere di guida

La Golf TGI è una vettura che alla guida regala soddisfazioni perché è confortevole, brillante, precisa e rassicurante, il cambio DSG a 7 rapporti lavora in perfetta armonia con il 1.5 TSI a ciclo Miller che presenta un elevato rapporto di compressione (12,5:1) ed è stato sviluppato per funzionare al meglio con l’alimentazione a metano. Infatti, l’auto parte a metano e con un pieno di circa 20 euro percorre dai 410 km ai 420 km, rispecchiando praticamente quanto dichiarato dalla Casa. Ma l’aspetto ecologico, relativo a percorrenze ed emissioni, 113 g/km di Co2, non va a scapito delle prestazioni che risultano sempre appaganti, migliorando quelle già interessanti del precedente motore 1.4 turbo. Merito della turbina a geometria variabile, che consente un’erogazione costante dei 200 Nm di coppia massima dai 1.400 giri ai 4.000 giri, e della potenza di ben 130 CV che le assicura un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9,6 secondi ed una velocità massima di 206 km/h. Guidando è difficile notare una differenza di comportamento e di prestazioni quando si viaggia a benzina o a metano; però quando si pianifica un viaggio o si è consumato buona parte del metano, se bisogna percorrere molti chilometri è meglio sincerarsi della presenza delle stazioni di rifornimento che erogano metano durante il percorso, e magari effettuare un pieno prima di partire, perché il serbatoio di benzina consente di percorrere circa 110 km, come indicato dal computer di bordo, e tende a svuotarsi in fretta.

Prezzo: da 27.850 euro

Con la doppia alimentazione, un motore brillante ed il cambio DSG, la Golf 7 1.5 TGI ha un listino che parte dai 27.850 euro della versione Trendline, ed arriva ai 31.100 euro della variante Executive. Un prezzo interessante considerandone la rivendibilità e la probabilità di usufruire di eventuali sconti o promozioni in concomitanza con l’arrivo della Golf 8.

Volkswagen Golf 1.5 TGI: la prova su strada Vedi tutte le immagini
8.3
9
8.5
7.5
9
7.5

Pro

I Video di Motori.it

Nuova Volkswagen Golf GTI 2020

Altri contenuti