Mercedes AMG A 35 4Matic: la prova in pista

Sul circuito dell’ISAM di Anagni per verificare le caratteristiche dinamiche della Classe A più sportiva in attesa della A 45 AMG S.

Mentre tutti aspettano la compatta sportiva più potente del mercato, la Classe A 45 AMG S da 421 CV, Mercedes-Benz propone la A 35 AMG, che rappresenta l’avversaria designata dell’Audi S3 e nasconde sotto il cofano il 4 cilindri 2 litri da 306 CV e 400 Nm di coppia massima.

Esterni: dettagli sportivi

Le forme della Classe A, già dinamiche e sportive, vengono rese più intriganti dallo splitter anteriore, dal diffusore, dagli scarichi circolari e dalla calandra dedicata. Inoltre, la vettura del nostro test poteva fregiarsi delle ruote da 19 pollici con gommatura 235/35. Quest’ultimo è un elemento che fa parte del Pacchetto Edition 1 da oltre 8 mila euro, il quale annovera anche i flic laterali nel paraurti anteriore, l’ala posteriore, ed i poggiatesta integrati nel divano posteriore. A completare il quadro troviamo una livrea gialla che rende l’insieme ancora più accattivante ma che non è consigliata a chi preferisce non essere al centro della scena.

Interni: sportività sobria e appagante

L’abitacolo della A 35 AMG svela la sua natura sportiva attraverso la pedaliera, il volante, la strumentazione con grafica dedicata, i sedili sportivi e le cuciture a contrasto. Inoltre, con l’AMG Track Pace il guidatore può verificare i tempi sul giro e capire dove migliorare le sue performance mediante la traiettoria virtuale visibile tramite la realtà aumentata. In questo caso quindi la tecnologia non aiuta solamente ad interagire con l’auto durante i viaggi, ma anche ad incrementare le prestazioni in pista. Comoda per 4, la Classe A più sportiva a listino (per ora), ha una sportività non urlata e delle ottime finiture.

Al volante: diverte in sicurezza

Sono tante le particolarità tecniche nascoste sotto il cofano dal 2 litri turbo da 306 CV della vettura oggetto del test, come il basamento d’alluminio pressofuso, la sovralimentazione twin scroll, gli iniettori piezoelettrici, l’accensione a scintilla multipla ed il sistema che riduce l’attrito interno. Tutte soluzioni che generano prestazioni di tutto rispetto: 4,7 secondi per scattare da 0 a 100 km/h e 250 km/h di velocità massima. Ma il bello è che questo motore lavora in sinergia con la trazione integrale 4Matic capace di ripartire la coppia fino al 50/50 tra asse anteriore e posteriore tramite una frizione a dischi multipli integrata nella scatola del differenziale, e con il cambio automatico a doppia frizione a 7 rapporti con funzione Race Start per ottenere il massimo spunto nelle partenze da fermo. In tutto sono 5 le modalità di guida, con quella slippery pensata per i fondi a bassa aderenza, mentre le sospensioni attive, a richiesta, consentono di scegliere tra tre regolazioni dell’assetto. Non mancano freni adeguati con con pinze monoblocco a 4 pistoni anteriori con dischi da 350 mm, e posteriori con dischi da 330 mm e pinze a pugno ad 1 pistone.

Sulla pista dell’ISAM di Anagni (FR), l’insieme funziona in maniera precisa e consente di pennellare le traiettorie senza rendere la guida troppo ingessata. Infatti, in alcuni frangenti si avverte che l’agilità è più incisiva di quanto si possa immaginare, per cui l’auto impegna il guidatore senza generare però reazioni troppo impegnative. Il cambio si sposa bene con il motore ma una maggiore velocità in scalata non avrebbe guastato. Discreto l’intervento della trazione integrale che entra in gioco solo quando serve ma fornisce quel supporto in più per recuperare quando la situazione richiede reazioni rapide e immediate. Il tutto con un comfort che consente di viaggiare su strada senza dover fare i conti con un assetto spacca ossa. Insomma, una vettura che appaga in circuito, ma non è estrema, per chi vuole un’auto divertente ma non troppo impegnativa e con un consumo di circa 11 km/l anche con una guida non morigerata.

Prezzo: da 47.300 euro

Per avere questa compatta della Stella con il 2 litri turbo da 306 CV bisogna mettere in conto una cifra che corrisponde a 47.300 euro. Ma questo è solo l’inizio, perché le proposte per personalizzarla non mancano e, a quel punto, dipende solamente da quanto siete disposti a spendere.

Mercedes AMG A 35 4Matic: la prova in pista Vedi tutte le immagini
7.6
8
7.5
8.5
7
7

Pro

Altri contenuti