Renault Espace 2.0 Blue dCi Initiale Paris: la prova su strada

Abbiamo guidato la tuttospazio della Renault spinta dal potente 2 litri turbodiesel Euro 6d-Temp da 200 CV.

Con il nuovo turbodiesel la Renault Espace è brillante e riduce le emissioni, visto che è in linea con la normativa Euro 6d-Temp, ma nell’allestimento Initiale Paris è anche ricca e carica di fascino. L’abbiamo provata con il 2 litri a gasolio più potente da 200 CV che lavora insieme al cambio automatico a doppia frizione ed alle quattro ruote sterzanti.

Esterni: è sempre moderna e originale

Difficile cambiare qualcosa nelle forme di un’auto tanto elegante quanto originale, e così la Renault Espace, che si aggiorna nella meccanica, mantiene la sua linea inconfondibile. Monovolume che strizza l’occhio ai crossover, ha un grande parabrezza, una superficie vetrata laterale che slancia l’insieme, ed una vista posteriore in cui dominano i fari che si prolungano nella fiancata. Non mancano le cromature, le protezioni nella parte bassa dei paraurti ed una calandra dedicata.

Interni: tanto spazio da vivere nel massimo del comfort

Prendete l’abitacolo di una monovolume che sfiora i 5 metri di lunghezza ed il metro e settanta centimetri di altezza, rivestite i sedili con pregiata pelle nappa, con quelli anteriori che presentano anche la funzione massaggio, inserite nell’insieme la strumentazione digitale, un grande schermo per l’infotainment e una luminosità da urlo incrementata dal tetto apribile panoramico, ed ecco che avrete l’idea di cosa riservi al conducente ed ai passeggeri la Renault Espace Initiale Paris. Inoltre, la vettura in questione può avere due sedute supplementari che annegano nel fondo del bagagliaio, e facilita il guidatore con la posizione strategica della particolare leva del cambio. Ampio lo spazio per i bagagli che è di 600 litri con 5 sedute.

Al volante: l’agilità che non ti aspetti

Diciamolo subito, con 200 CV e 400 Nm di coppia massima il nuovo 2 litri turbodiesel regala prestazioni importanti in rapporto alla massa della vettura, per cui i 9,1 secondi necessari per scattare da 0 a 100 km/h e la velocità massima di 215 km/h sono valori che risultano piuttosto apprezzabili per questo genere di auto. Inoltre, con le 4 ruote sterzanti, che comportano l’azione in controfase di quelle posteriori fino a 50 km/h e poi in fase al crescere della velocità, l’Espace è agile come un’utilitaria nel traffico, fermo restando che le sue misure sono da monovolume di taglia grande. Certo, lo sterzo è più votato alle andature turistiche e non ci sono i paddle dietro il volante, segno che anche il cambio a doppia frizione a 6 rapporti è tarato per una guida di stampo turistico, per cui il consiglio è di non forzare l’andatura sul misto, ma piuttosto quello di godere del suo grande comfort e di sfruttarne l’agilità nei centri urbani. Per il resto, la stabilità garantisce solidi appoggi in autostrada, inoltre, la taratura delle sospensioni, ben studiata, la rende un’ottima compagna di viaggio nelle lunghe trasferte. Considerando le dimensioni, la potenza in gioco ed il tipo di vettura, il consumo di 12 km/l di media nel ciclo misto rappresenta un buon risultato.

Prezzo adeguato ai tanti contenuti

Con una dotazione importante, che annovera accessori quali l’head-up display, il cruise control adattivo, i fari full LED, la retrocamera, ed i sedili in pelle con funzione massaggio, l’Espace Initiale Paris spinta dal più potente 2 litri a gasolio da 200 CV accoppiato al cambio automatico a 6 rapporti ha un costo di 51.400 euro: una cifra importante ma giustificata dai contenuti e dalla possibilità di acquistare un’auto unica nel suo genere.

Renault Espace 2.0 Blue dCi Initiale Paris: la prova su strada Vedi tutte le immagini
7.5
8
8
7.5
7
7

Pro

I Video di Motori.it

Renault Kadjar Black Edition: il video in off-road

Altri contenuti