Mazda 3 1.8 Skyactiv-D Exclusive: la prova su strada

Abbiamo guidato la Mazda 3 di nuova generazione nella versione diesel con cambio manuale a 6 rapporti.

La Mazda 3 è tutta nuova ma non rinuncia ad una variante diesel, spinta dal 1.8 da 116 CV, che abbiamo provato in abbinamento al cambio manuale a 6 rapporti e al ricco allestimento Exclusive. Una variante pensata per chi non vuole rinunciare a nulla in termini di dotazione ma neanche ad una trasmissione manuale per un maggior coinvolgimento alla guida.

Esterno: è tutta nuova

La Mazda 3 cambia in maniera profonda attraverso un design che porta una ventata di novità nel segmento C. Più lunga di 20 cm rispetto alla Volkswagen Golf, spicca per il posteriore che ricorda quello di una coupé. I montanti massicci però hanno un impatto negativo sulla visibilità, in particolare sulla ¾ posteriore. Più bella  dal vivo che in foto, riprende il concetto stilistico della Mazda 6 all’anteriore con l’ampia calandra ed i gruppi ottici sottili. Curati gli assemblaggi, apprezzabile l’idea di un design tondeggiante che ripropone in chiave moderna le linee levigate di alcuni modelli anni ’90.

Interno: ben fatto ma con poca luminosità al posteriore

Il motivo tondeggiante torna anche nell’abitacolo dove troviamo una plancia a sviluppo orizzontale, pochi fronzoli ed un infotaiment con schermo da 8,8 pollici facilmente gestibile attraverso il manopolone sul tunnel centrale. La qualità dei materiali si sposa alle perfezione con quella del suono proveniente dall’impianto audio Bose con 12 altoparlanti e amplificazione digitale. Comoda per quattro, con la zona posteriore meno luminosa per via della linea di cintura alta e della superficie vetrata ridotta, presenta un bagagliaio da 364 litri: meno ampio rispetto a quello delle concorrenti dirette.

Al volante: confortevole e poco assetata

La Mazda 3 con il motore 1.8 diesel da 116 CV ha una guida appagante e nelle situazioni in cui si ha bisogno di maggior spinta si apprezza la coppia massima di 270 Nm che in ripresa aiuta non poco. Infatti, le prestazioni sono molto simili a quelle della variante Mild Hybrid ma i consumi risultano inferiori con percorrenze che sfiorano sempre i 20 km/l nell’uso reale, riducendo al massimo le soste dal benzinaio. Nello specifico, è una compatta che consuma come un’utilitaria e questo è un aspetto da non sottovalutare per chi percorre molti chilometri durante l’anno. La sicurezza attiva è ai massimi livelli grazie al cruise control adattivo, la frenata automatica anche in retromarcia con tanto di riconoscimento pedoni e ciclisti, mentre non manca il sistema che riporta davanti al conducente i segnali stradali e quello che rileva la presenza di altri veicoli negli angoli ciechi. L’assetto è morbido, turistico, ma gli appoggi sono efficaci al punto da assecondare anche una guida briosa quando si ha voglia di far fare gli straordinari al valido cambio manuale a 6 rapporti dalla buona manovrabilità.

Prezzo: da 29.350 Euro

Il prezzo della Mazda 3 1.8 Skiactiv-D Exclusive è 29.350 Euro, ma si tratta di una full-optional a tutti gli effetti. Per chi vuole spendere di meno c’è sempre la versione Evolve da 25.400 euro, o la più equilibrata della gamma, la Exceed, che ha un costo di 28.150 Euro.

Mazda 3 2019: la prova su strada Vedi tutte le immagini
8
8.5
8.5
7.5
8.5
7

Pro

I Video di Motori.it

Mazda CX-3: video e scheda tecnica

Altri contenuti