Jaguar E-Pace: vince al Car Design Award e presenta nuove tecnologie

Il medium SUV di Coventry, premiato al Car Design Award nella categoria Production Cars presenta ora lo Smart Settings intelligente, le sospensioni Adaptive Dynamics e l’unità 2.0 Ingenium da 200 CV.

Jaguar E-Pace: vince al Car Design Award e presenta nuove tecnologie

di Francesco Giorgi

07 giugno 2018

L’immagine “racing” ed elegante nello stesso tempo (“tipicamente” Jaguar, quindi) rappresenta uno degli atout di E-Pace, il “medium SUV” del marchio di Coventry entrato in produzione nei mesi scorsi, quale seconda proposta “Sport Utility” dopo il debutto nel segmento con F-Pace avvenuto nel 2015 e subito prima dell’ambizioso programma I-Pace, che a linee più compatte abbina la propulsione 100% elettrica. Un “salto” epocale per Jaguar, da qualche anno al centro di una fase di marcata evoluzione di stile e di contenuti tecnologici finalizzati al mantenimento di un ruolo concorrenziale nei confronti della “solita” offensiva high class tedesca.

In queste ore, per Jaguar E-Pace (qui il nostro primo contatto) arrivano diverse novità di primo piano. Si tratta, nello specifico, dell’introduzione di un inedito kit di sospensioni adattive, di un modulo di intelligenza artificiale e dell’unità motrice “Ingenium” a benzina da 200 CV nella gamma del “compact SUV” di Coventry; e, nello stesso tempo, del primo premio assegnato a Jaguar E-Pace al Car Design Award 2018, nell’ambito del Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino, segnatamente nella categoria “Production Cars”.

Nuove soluzioni tecniche e di intelligenza artificiale

I 4,4 m di lunghezza e i quasi 580 litri di capienza nel vano bagagli (1.234 a sedili posteriori totalmente abbattuti), insieme all’adozione del display touch da 10.2” per il controllo delle funzionalitàinfotainment, all’Head-up Display ed alla strumentazione digitale Tft con schermo da 12.3”, il ricco assortimento di sistemi di sicurezza attiva ed ausilio alla guida (Emergency Braking, Lane Keep Assist,  Traffic Sign Recognition, Adaptive Speed Limiter e Driver Condition Monitor) rappresentano la concreta base di partenza sulla quale Jaguar E-Pace fa affidamento per il proprio ruolo nel competitivo segmento Sport Utility di medie dimensioni.

Ora, Jaguar E-Pace guadagna nuove funzionalità hi-tech, l’adozione delle sospensioni a tecnologia Adaptive Dynamics ed un propulsore della linea “Ingenium” a benzina, di ingresso alla gamma.

Nel dettaglio, indica una nota Jaguar diramata in queste ore, E-Pace viene equipaggiata con il sistema di auto-apprendimento “Smart Settings” esclusivo delle dotazioni più recenti per il marchio di Coventry. Il modulo “Smart Settings”, offerto ad integrazione del dispositivo “Connect Pro Pack” – comprendente, a sua volta, un Hotspot WiFi 4G, il sistema Pro services, il navigatore “Navigation Pro” e il Data Plan con SIM da 500MB al mese, incrementabile, per la durata del periodo di garanzia, per ricevere informazioni in tempo reale su traffico, navigazione door-to-door tramite il proprio smartphone, street view e disponibilità parcheggi -, rileva l’avvicinarsi dell’utente, mediante un sensore contenuto nella chiave così come attraverso il proprio device portatile (segnale Bluetooth). Il sistema di controllo del veicolo stesso regola in autonomia la posizione di seduta, la climatizzazione interna e il sistema d’infotainment in funzione delle consuete esigenze dell’utente. Una serie di algoritmi elabora le impostazioni della vettura in base alle condizioni meteo, alla sua posizione, all’orario della giornata e alle “consuetudini” di comportamento del conducente, adattando ad esempio il preriscaldamento del volante e dei sedili nelle giornate più fredde, o il cambio della sorgente multimediale in un particolare giorno della settimana oppure orario della giornata. Per Jaguar E-Pace è possibile avviare fino ad otto profili di configurazione: in questo modo, la vettura risulta ideale anche per le aziende di gestione flotte.

A bordo di Jaguar E-Pace nelle versioni equipaggiate con motorizzazione turbodiesel 180 CV e 240 CV e benzina 200 CV (nuovo “Ingenium”), 249 CV e 300 CV, è inoltre presente il sistema di controllo dello smorzamento sospensioni a variazione continua mediante triplo tubo con valvole idrauliche esterne “Adaptive Dynamics”. Tecnicamente, il dispositivo monitora ogni 2 millisecondi la dinamica del veicolo in qualsiasi condizione di marcia, e ogni 10 millisecondi calcola la conseguente idonea forza di smorzamento delle sospensioni. con questo “set-up intelligente”, che risponde all’istante ai comandi di guida ed alle più varie modifiche del fondo stradale, avviene l’ottimale bilanciamento fra controllo e risposta del veicolo. In più, nel menu delle modalità di controllo dinamico vettura “Configurable Dynamics” che fa parte del modulo “Jaguar Drive Control Systems”, il conducente ha la possibilità di scegliere fra due funzioni di commutazione dell’Adaptive Dampers: “Normal” (più orientata al comfort di marcia) e “Dynamic”, quest’ultima regolata in modo da garantire un controllo ed una tenuta di strada ancora piùelevati, a tutto vantaggio della sicurezza per gli occupanti.

Sotto il cofano di Jaguar E-Pace è ora disponibile l’unità motrice della lineup “Ingenium” da 2 litri, nell’architettura a quattro cilindri e sovralimentazione mediante turbocompressore, che porta in dote le medesime tecnologie di ultima generazione presenti nel “cuore” degli altri motori Ingenium e rivolti all’ottenimento di nuovi traguardi in materia di potenza, efficienza termica e risposta ai comandi: fra questi, sono da segnalare la turbina twin-scroll, l’alzata valvole a variazione continua e le camme a fasatura variabile. L’Ingenium 2.0 che entra a far parte della gamma Jaguar E-Pace (il corrispondente modello viene messo in vendita ad un prezzo di listino che parte da 42.200 euro) sviluppa una potenza di 200 CV e, su strada, permette al “medium-SUV” di Coventry un tempo di 8”2 nell’accelerazione da 0 a 100 km/h.

Jaguar E-Pace: vincente nel design

Il ruolo al quale è stato chiamato E-Pace è, oltre che ambizioso, in linea con i più recenti dettami di mercato, che vedono da tempo il segmento SUV e crossover al centro di un corposo “boom”, in special modo in alcune aree-chiave globali (Europa, Cina, USA): dichiarato competitor nei confronti di una fascia di “Sport Utility medium size” – Audi Q3, Bmw X1, Mercedes GLA, Volvo XC40 e la “cugina” Range Rover Evoque, quest’ultima dal canto suo pronta ad un prossimo aggiornamento -, E-Pace si sottolinea per una personale interpretazione di immagine, dichiaratamente sportiva e, contestualmente, inserita nella tradizione di Coventry.

Due “voci” in ogni caso vincenti per l’appeal di E-Pace sul pubblico, e che hanno trovato conferma nelle scorse ore con il riconoscimento, assegnato a Jaguar E-Pace, del primo premio nella categoria “Production Cars” al Car Design Award, contest creato nel 1984 dal magazine Auto & Design con l’obiettivo di celebrare i brand automotive che con le rispettive proposte contribuiscono in maniera significativa all’evoluzione del design automobilistico e, da tre edizioni, fra gli eventi che animano il Salone dell’Auto di Torino Parco del Valentino (qui la nostra guida alla manifestazione, che si concluderà domenica 10 giugno).

La sezione “Production Cars” del Car Design Award rappresenta una delle categorie più importanti, essendo rivolta alle proposte di design più innovative, accattivanti e sorprendenti della produzione di serie. Nello specifico, per Jaguar E-Pace hanno convinto la giuria di esperti il DNA sportivo “tipicamente Jaguar” del corpo vettura, la soluzione di stile che si ispira alla coupé F-Type (a sua volta ideale erede della storica E-Type e di una stirpe di modelli sportivi che negli anni hanno giocato un ruolo di primo piano nello sviluppo dell’appeal Jaguar in tutto il mondo), qui abbinata a linee ed a proporzioni marcate, a sbalzi ridotti e a fiancate “massicce”, che aiutano a conferire un aspetto particolarmente personale all’agilità dinamica di Jaguar E-Pace.

Il premio è stato ritirato da Ian Callum, responsabile della Divisione Design per Jaguar: “Il nostro marchio è entrato da relativamente poco tempo nel segmento SUV, con il ‘lancio’ di F-Pace tre anni fa. Ricevere questo premio per il nostro secondo SUV è un grande onore. Con E-Pace, il nostro obiettivo era di porre l’accento su un design sportivo e dal forte carattere e penso che questo premio possa confermare che ci siamo riusciti. Per un’azienda di auto sportive, ottenere un riconoscimento per la gamma Sport Utility è particolarmente importante e dimostra lo straordinario talento del team design di Jaguar”.

“Per il secondo anno consecutivo abbiamo ricevuto riconoscimenti importanti assegnatoci da una giuria prestigiosa come quella del Car Design Award – commenta il presidente di Jaguar Land Rover Italia, Daniele Maver – Se lo scorso anno Jaguar I-Pace era stata riconosciuta come la migliore nella categoria ‘Concept Cars’, in quest’edizione ha vinto il design inconfondibile di E-Pace che combina le linee da vera sportiva alla praticità di un SUV e che rappresenta per Jaguar l’inizio di una nuova era”.

Tutto su: Jaguar E-PACE