Hoverbike per la polizia di Dubai: via al training dei primi piloti

Sviluppate per interventi rapidi sul luogo di un incidente o di un reato, le “moto volanti” a tecnologia drone di Hoversurf sono entrate nel parco veicoli della polizia di Dubai.

Hoverbike per la polizia di Dubai: via al training dei primi piloti

di Francesco Giorgi

08 novembre 2018

Ricordate la singolare “hoverbike” sviluppata da Hoversurf e messa a disposizione della polizia di Dubai? La notizia, all’inizio di quest’anno, aveva fatto il giro del mondo proprio per la particolarità del soggetto: una “moto volante” dalle peculiarità ispirate a quelle dei droni (zero emissioni, leggerezza, agilità) pronta ad indossare la divisa per entrare in servizio come veicolo di intervento rapido (è il caso di dirlo!) sul luogo di un incidente o di un reato.

Ebbene, dopo le prime anticipazioni, ecco la realtà: i “centauri volanti” della polizia di Dubai che si metteranno ai comandi delle prime unità della hoverbike “Scorpion 3” (che, va ricordato, venne esposta in anteprima nell’edizione 2017 del GITEX Expo e, oggi, è proposta in vendita ad un prezzo che si aggira su 150.000 dollari, seppure la produzione sarà limitata) sono in fase di training.

Il dirigente della polizia locale e direttore generale dell’Artificial Intelligence Department di Dubai, Khalid Nasser Alrazooqi, anticipa che il nuovo “reparto volante” sarà pienamente operativo entro il 2020: “Attualmente due nostri equipaggi si stanno allenando ai comandi dell’hoverbike; nei prossimi mesi, se ne aggiungeranno altri”, ha anticipato ai microfoni della Cnn.

Secondo alcuni esperti in materia, uno di principali limiti per questo tipo di velivoli deriva dall’autonomia relativamente limitata (in principal modo ciò è dovuto alle attuali tecnologie delle batterie), tuttavia il costante progresso nell’efficienza degli accumulatori potrebbe aumentare i tempi di volo (lo step attuale di Hoverbike S3 prevede un’autonomia di volo di una quarantina di minuti “in modalità drone” e da 10 a 25 minuti con il pilota a bordo, una quota di volo operativa di circa 16 piedi a 60 miglia orarie ed un tempo di ricarica per le batterie nell’ordine di 2 ore e mezza): la stessa Hoversurf ha recentemente annunciato di essere all’opera per raggiungere tale obiettivo quanto prima; a questo proposito, sarebbe già stato realizzato un nuovo sistema di eliche “Più piccolo, più silenzioso, più sicuro e più efficiente” rispetto alle attuali tecnologie.