Auto senza gli optional richiesti: paga lo stesso, ma sfonda la vetrina dello showroom. Ecco il video

Clamoroso episodio avvenuto a Taiwan: l’acquirente di una Porsche Panamera Sport Turismo si sarebbe visto consegnare la vettura “sbagliata”: dopo il saldo del prezzo, ha distrutto una vetrata della concessionaria.

Auto senza gli optional richiesti: paga lo stesso, ma sfonda la vetrina dello showroom. Ecco il video

di Francesco Giorgi

09 maggio 2018

Non tutti gli automobilisti dispongono di bon ton: lungi da noi classificare la passione per l’auto a seconda del tipo di vettura in possesso del singolo (“Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”… a patto di saper vivere in armonia con se stessi e, soprattutto, con gli altri utenti), le cronache quotidiane regalano interessanti spunti di riflessione. Un esempio – l’ultimo, in ordine di tempo, fra quelli più clamorosi “captati” dal Web – riguarda la disavventura occorsa, in questi giorni, al personale di una concessionaria di Taichung (Taiwan), che ha subito la distruzione delle vetrine ed ha trascorso ciò che comunemente si dice “un brutto quarto d’ora”.

E tutto questo, secondo le notizie registrate dalla Rete, a causa della furia devastatrice di un neo-proprietario di Porsche Panamera Sport Turismo, un businessman 42enne che, a quanto è dato sapere, ne aveva ordinato un esemplare munito di determinati accessori. Salvo poi, al momento della consegna, trovarsi in effetti di fronte alla Porsche dei suoi sogni, tuttavia senza gli optional richiesti. L’acquirente, con la Panamera Sport Turismo nuova di zecca, si è diretto verso le vetrine della concessionaria mandandole in frantumi e provocando un grande spavento fra i venditori che in quel momento erano all’interno del punto vendita.

Alla polizia, intervenuta immediatamente, il capriccioso (nonché decisamente ineducato) automobilista avrebbe dichiarato di avere sfondato la vetrina della concessionaria “Per evitare una vettura all’incrocio”: un tentativo di autodifesa non accolto dagli agenti, i quali avrebbero rinvenuto nel veicolo una tanica di benzina ed un piccone, segno delle intenzioni non certo pacifiche dell’uomo. Il quale, del resto, sarebbe stato inchiodato alle proprie responsabilità dalle telecamere di sorveglianza. Ed è stato dunque tratto in arresto.

Ci sarebbe, secondo le fonti Web, una ulteriore causa di “furia cieca”: oltre alla questione degli optional assenti al momento della consegna della Panamera Sport Turismo, anzi in conseguenza di ciò, il neo proprietario si sarebbe rifiutato di versare il saldo dell’acquisto al venditore; il quale, dal canto suo, avrebbe dato risposta negativa alle rimostranze dell’uomo, aggiungendo che se non avesse provveduto entro cinque giorni al pagamento completo della vettura avrebbe altresì perso l’acconto, corrispondente a 56.000 euro. L’acquirente avrebbe, perciò, pagato l’intero importo della vettura. Ma si sarebbe preso una personale rivincita: schiantandosi cioè contro la vetrina della concessionaria.