Skoda punta sulla sicurezza per tutti

Sono sempre più diffusi i sistemi di sicurezza attiva sulle vetture del Brand ceco vendute in Italia

Il 2018 è un anno importante per Skoda Italia, visto che ha coinciso con la decisone di democratizzare e diffondere i principali dispositivi di sicurezza attiva, i cosiddetti ADAS, sui propri modelli. Una scelta che coincide con la volontà di privilegiare la sicurezza dei propri clienti a fronte delle numerose distrazioni fonte di incidenti presenti nel traffico moderno.

La strada è stata tracciata dall’ammiraglia Superb, che nel 2018 ha proposto, di serie, il Front Assistant per la frenata automatica in città, il radar ACC per il mantenimento attivo della distanza di sicurezza, il Lane Assistant per il mantenimento della corsia di marcia e infine il Blind Spot Detect, per il monitoraggio dell’angolo cieco. Nei primi mesi del 2019 la via della sicurezza è stata percorsa anche  dalla Kodiaq 7-TECH, con tutti gli ADAS di serie, e ideata dalla filiale italiana di Skoda per venire incontro alle esigenze di sicurezza e connettività della clientela di questo segmento.

Da maggio, con l’arrivo della nuova berlina Scala, Skoda Italia ha nuovamente puntato sulla sicurezza offerta dalle tecnologie di guida assistita di Livello 2; infatti, l’auto in questione in Italia è proposta fin dalla versione d’accesso, l’Ambition, con una dotazione che include Front Assistant con riconoscimento di pedoni e ciclisti, radar ACC di nuova generazione attivo fino alla velocità di 210 km/h e Lane Assistant. Una serie di aiuti che è possibile completare optando per il nuovo sistema Side Assistant, che monitora il traffico laterale fino a 70 metri dietro l’auto e avverte del pericolo in caso di sorpasso, ed il Rear Traffic Alert, che in retromarcia monitora il traffico trasversale e può frenare autonomamente l’auto, per costo totale di 450 euro, visto che sono inclusi nel medesimo pacchetto.

Ma non è tutto, perché da poche settimane è partita la fase di prevendita della nuova gamma Superb, ora proposta anche nell’inedita versione SCOUT, e che, in tutte le versioni, offre un pacchetto completo degli ADAS di nuova generazione, a cui si aggiunge per la prima volta su una Skoda il radar ACC con funzione predittiva: che adegua autonomamente la velocità dell’auto ai limiti di velocità imposti e alla conformazione della strada.

Insomma, un ulteriore passo avanti per una vettura che fa parte di una gamma di modelli che ha superato i test sulla sicurezza passiva condotti dall’ente indipendente EuroNCap con il massimo punteggio.

“L’adozione dei più recenti dispositivi ADAS di serie sui nostri modelli si inserisce perfettamente nel percorso di crescita continua intrapreso da ŠKODA negli ultimi anni e va di pari passo col totale rinnovamento della gamma modelli”. Spiega Francesco Cimmino, Brand Manager Skoda Italia. “Questa scelta da un lato accresce le dotazioni di serie dei nostri prodotti migliorandone l’equazione del valore e dall’altro sposta ancora più in alto l’attenzione al Cliente e ai suoi reali bisogni, che fa parte da 120 anni del DNA Skoda”.

 

Skoda Italia punta sulla sicurezza Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Skoda Kamiq e Scala Montecarlo al Salone di Francoforte 2019

Altri contenuti