F1: Hamilton punta al bis in Turchia

Nel Gran Premio di Turchia il pilota McLaren cercherà di bissare il successo maturato in Cina.

Nel Gran Premio di Turchia il pilota McLaren cercherà di bissare il successo maturato in Cina.

Si sente carico Lewis Hamilton, l’arrembante inizio di stagione e il successo ottenuto in Cina lo hanno rilanciato prepotentemente nella corsa al titolo piloti e adesso il campione inglese vuole continuare sulla strada della vittoria. Il prossimo fine settimana si correrà in Turchia, su un tracciato veloce e impegnativo, proprio quello che ci vuole per esaltare le doti di un driver come Hamilton.

“Ho vinto questa gara lo scorso anno – spiega – e l’ Istanbul Park è un circuito che mi piace molto. E’ un tracciato molto moderno, con una varietà di curve, un sacco ad alta velocità. Naturalmente, tutti parlano della curva otto, che è una curva fantastica, ma amo anche frenare al limite in curva 9 e 12. Questo è anche un circuito dove il KERS puo’ dare un grande vantaggio, la maggior parte dei rettilinei vengono dopo curve a bassa velocità, quindi ci sono molte possibilità di utilizzare efficacemente il KERS, in particolare alla curva 10, ma anche in uscita dall’ultima curva. Ci sono tutte le premesse per credere che la corsa sarà interessante e stimolante questo fine settimana.”

Parole che evidenziano la voglia di confrontarsi, la consapevolezza, ma non il timore di affrontare una prova impegnativa, e lo spirito battagliero di Hamilton. Tutto questo ovviamente è sintomatico dello stato di salute della monoposto di Woking che era nata male ma è cresciuta bene, molto meglio di tante altre.

McLaren MP4-26 2011 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.