Fiat sale al 30% di Chrysler

Il gruppo Fiat sale dal 25% al 30% del capitale Chrysler grazie al raggiungimento del secondo “Performance Event” previsto nell’accordo del 2009.

Il gruppo Fiat sale dal 25% al 30% del capitale Chrysler grazie al raggiungimento del secondo “Performance Event” previsto nell’accordo del 2009.

Era stato già ampiamente previsto e annunciato dallo stesso Sergio Marchionne nella giornata di ieri, adesso però, l’acquisizione di nuove quote azionarie di Chrysler da parte di Fiat è ufficiale. Il Lingotto sale così dal 25% al 30% del capitale del gruppo americano e lo fa seguendo uno dei “Performance Event” (eventi al cui verificarsi scattano determinate opzioni per Fiat) previsti dall’accordo siglato nel 2009.

In base a quanto pattuito, infatti, il secondo di questi “Performance Event” prevedeva che Chrysler raggiungesse ricavi cumulativi superiori a 1,5 miliardi di dollari riferibili alle vendite fatte registrare al di fuori dei paesi Nafta, cioè fuori da Canada, USA e Messico. L’obiettivo è quindi stato centrato e ha dato il via sia alla possibilità per Fiat di salire nel capitale Chrysler sia ad altri obblighi, come per esempio quello di distribuire uno o più veicoli Chrysler in almeno il 90% dei concessionari del gruppo italiano in Brasile. Oltre a questo, Fiat è obbligata anche a pagare Chrysler per l’utilizzo delle sue tecnologie al di fuori dei paesi Nafta e ad aggregare alcune flotte di veicoli Chrysler nell’Unione Europea a livello di emissioni di CO2.

A questo punto, il capitale di Chrysler vede la partecipazione di Uaw Veba (sindacato dei lavoratori) con il 59,2% delle azioni, seguita da Fiat al 30%, dal Tesoro USA all’8,6% e dal Governo canadese al 2,2%. Secondo Marchionne, comunque, la quota italiana potrebbe salire al 51% già entro giugno, sempre che il Gruppo riesca a rifinanziare il debito ovviamente.

Chrysler 300C Model Year 2011 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.