Porsche 911 RSR 2019, un 4.2 litri aspirato per la nuova versione

La Casa tedesca ha voluto mostrare in anteprima a Goodwood le performance del suo nuovo bolide da gara.

La rinnovata Porsche 911 RSR è stata pilotata per la prima volta davanti il grande pubblico da Jörg Bergmeister, in occasione dell’edizione 2019 del celebre Goodwood Festival of Speed. La Casa tedesca ha voluto mostrare in anteprima mondiale le performance velocistiche del suo nuovo bolide da gara proprio in occasione della seguitissima kermesse britannica.

Rispetto al modello introdotto nel 2017, la nuova 911 RSR può vantare una completa evoluzione, inoltre risulta pronta a debuttare nelle competizioni appartenenti alla categoria GTE del WEC, già nel prossimo settembre, in occasione della gara di Silverstone, mentre nel 2020 debutterà nel campionato americano IMSA. Se osservata da un occhio meno attento, la nuova Porsche 911 RSR potrebbe sembrare uguale alla versione che sostituisce, invece rispetto a quest’ultima risulta rinnovata nei componenti addirittura al 95%.

Per sviluppare la nuova RSR, i tecnici e gli ingegneri Porsche hanno fatto ricorso a tutto il know how tecnico accumulato durante le competizioni degli ultimi anni e le relative vittorie conquistate. La vettura vanta l’adozione di un inedito motore 4.2 litri aspirato che sostituisce il precedente 4.0 litri: forte di ben 522 CV (potenza frutto delle limitazioni all’aspirazione), questa nuova unità si presenta come il più grande motore della storia della mitica 911.

Il nuovo sei cilindri boxer vanta un range di giri più ampio per l’erogazione della potenza e risulta abbinato ad un nuovo impianto di scarico “racing” che si distingue per i terminali posizionati davanti alle ruote posteriori. Quest’ultima soluzione permette di sfruttare al meglio il diffusore posteriore perché gli permette di generare maggior carico aerodinamico. Per quanto riguarda la trasmissione, una scatola realizzata in magnesio ospita con il cambio sequenziale a sei rapporti, con quest’ultimo che risulta accoppiato ad un differenziale autobloccante dotato di dischi di carbonio.

L’intero corpo vettura della 911 RSR e stato rivisto, così come la sua aerodinamica, anche se la parentela con ala 911 di serie rimane molto stretta. Le altre novità riguardano l’assetto: la vettura monta pneumatici slick Michelin che avvolgono cerchi forgiati da 18 pollici con canale da 12,5 pollici anteriore e 13 pollici posteriore. Particolarità di non poco conto è il fatto che la nuova RSR sia basata sulla precedente generazione della 911 (sigla di progetto 991) e non sulla nuovissima versione (sigla di progetto 992).

Porsche 911 al Salone di Francoforte 2019 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Elina Svitolina e Mark Webber al volante della Porsche 911 Carrera 4S

Altri contenuti