Mercedes-AMG GT3: le novità della nuova versione

Nuova versione-clienti presentata alla 24 Ore del Nurburgring. Aggiornamenti rivolti soprattutto all’ottimizzazione dei costi. Prime consegne a fine 2019, in tempo il debutto nella prossima stagione.

La scenografica cornice della 24 Ore del Nurburgring ha salutato, lo scorso weekend, la presentazione in anteprima assoluta di Mercedes-AMG GT3 nella nuova declinazione “Clienti” in chiave Model Year 2020, vale a dire sottoposta ad un ampio programma di aggiornamento che riguarda pressoché tutti gli aspetti-base tenuti in considerazione dagli appassionati e dai team quando si tratta di scegliere quale vettura impiegare per il proprio impegno nelle competizioni: motore, dinamica, assetto. Ma andiamo con ordine, analizzando tutte le caratteristiche tecniche della novità-racing sfornata dalla collaborazione fra i tecnici di Stoccarda e gli omologhi di Affalterbach.

Se non proprio… a successo pieno (soltanto per citare le performance di maggiore rilievo: prime due posizioni di partenza, e al traguardo il terzo ed il settimo posto assoluti), la 24 Ore del Nurburgring 2019 – che per gli enthusiast tedeschi rappresenta “La” gara di durata per eccellenza: e ciò per immagine, qualità delle vetture in pista, elevato numero dei concorrenti; e per alcuni big player costituisce da tempo un valido banco di prova per le rispettive novità high performance – ha significato, per Mercedes, il “taglio del nastro” alla nuova edizione 2020 della sportiva-simbolo destinata ai team privati.

Un progetto che si avvia felicemente al traguardo dei dieci anni dal debutto (avvenuto nel 2010 con la “storica” SLS AMG GT3) e che si concretizza, ora, nella nuova configurazione pronta a raccogliere il testimone agonistico della attuale collaudatissima GT3 – modello già prodotto in più di 130 esemplari– “Dotato di numerose ottimizzazioni, rivolte a porre su un nuovo superiore livello gli atout della attuale GT3, già abbondantemente apprezzata da piloti e team”, indica una nota Mercedes diffusa in queste ore, a corredo dei dettagli tecnici per la nuova AMG GT3.

In particolare, gli upgrade sono stati studiati anche in un’ottica di attenzione ai costi, con l’obiettivo di espandere ulteriormente il “parterre” dei praticanti, i quali potranno prenderne in consegna le prime unità a partire dalla fine di quest’anno: in tempo utile, cioè, ad affrontare le sessioni di messa a punto delle vetture e schierarsi al via della prossima stagione di gare, che coinciderà, come accennato, con i dieci anni dal debutto del reparto Mercedes-AMG Customer Racing.

Rispetto alla precedente versione (ricordiamo che la prima serie di Mercedes-AMG GT3 venne allestita nel 2015: qui il nostro approfondimento sulla presentazione al Salone di Ginevra di quattro anni fa), la nuova GT3 2020 punta i propri riflettori su diversi aspetti della gestione sportiva di una vettura: prima fra tutti, l’attenzione ai costi, in modo da assicurare alle squadre un favorevole rapporto fra prestazioni e spese.

Nel dettaglio, indica Mercedes, il “capitolato” degli interventi mette al primo posto un attento studio alla durabilità dell’unità motrice, che rimane il collaudato V8 aspirato da 6,3 litri, con lubrificazione a carter secco e gruppo trasmissione di tipo transaxle con cambio sequenziale a sei rapporti (sostanzialmente, la medesima motorizzazione che da quattro anni equipaggia AMG GT3, e che a sua volta deriva dalla precedente SLS AMG GT3): le novità “sotto il cofano” riguardano un re-engineering ai principali componenti, progettato per assicurare al motore tempi più lunghi fra una revisione post-gara e l’altra.

Ulteriori novità riguardano il corpo vettura, che nella nuova edizione GT3 2020 mette in evidenza una nuova sezione anteriore, disegnata “Per proteggere meglio il radiatore ed il telaio anteriore”, appunto per evitare ingenti spese di riparazione in caso di urti e collisioni di non grave entità.

Anche la componente aerodinamica è stata “riveduta e corretta” in funzione della semplicità di utilizzo: si notano, a questo proposito, un nuovo splitter anteriore ed un’ala posteriore entrambi riprogettati per offrire possibilità di regolazione semplificate; accanto ad essi, risulta evidente un affinamento alle appendici esterne.

Ulteriori novità riguardano, infine, lo studio di nuove regolazioni per l’ABS e per il controllo trazione (ottimizzati per assecondare al meglio le performance dell’attuale generazione di pneumatici racing)  e l’adozione di un nuovo comando “Drop Start”, disponibile a richiesta.

Mercedes-AMG GT3 2020: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti