Parco Valentino 2019: tutti gli eventi in programma

Oltre alle novità di mercato ed alle anteprime di produzione, il Salone di Torino è nuovamente “culla” di passione: raduni, meeting, rievocazioni, anniversari. Ecco la carrellata degli appuntamenti.

Oltre alle numerose novità, sottolineate dalla presenza di 54 Case auto (qui il nostro approfondimento sulle anteprime assolute e nazionali) che, in forma ufficiale, intervengono all’edizione 2019 del Salone dell’Auto di Torino Parco del Valentino (che da quest’anno assume la denominazione “Parco Valentino Motor Show”), la rassegna che porta il capoluogo piemontese nuovamente sotto i riflettori della filiera internazionale automotive (qui un nostro approfondimento al Salone) rappresenta, per gli appassionati in visita alla “cinque giorni” di Torino che si apre oggi e resterà in programma fino a domenica 23 giugno nella consueta formula “Salone aperto” e ad ingresso prolungato e gratuito fino alle 24, una ghiotta occasione per ammirare una nutrita rappresentanza di auto storiche e sentirsi al centro dei numerosi eventi in cartellone.

Parco Valentino: il Salone diffuso

Mai come quest’anno, la rassegna torinese si presenta ricca di appuntamenti, raduni, meeting e celebrazioni. Il “ruolino di marcia” di Parco Valentino Motor Show 2019 si apre… con il botto: nella serata di mercoledì, ad inaugurare il Salone dinamico interverrà una esibizione di monoposto storiche di F1, che sfileranno in un circuito cittadino allestito ad hoc fra le centralissime via Roma, piazza San Carlo e piazza Castello. Ad aprire la parata delle monoposto d’epoca della massima Formula, una delle Ferrari che vennero portate in gara dall’indimenticato Michele Alboreto. Esaurito “gruppone racing”, sarà la volta delle sfilate President Parade, Journalist Parade e Supercar Night Parade: quest’ultima, particolarmente nutrita, conta su ben 300 collezionisti provenienti da tutta Italia.

La seconda giornata di Parco Valentino Motor Show 2019 è all’insegna dello Scorpione: giovedì 20 giugno, si svolgerà – con meeting in piazza Vittorio Veneto – la celebrazione dedicata ai settant’anni dalla fondazione di Abarth, cui prenderà parte un’antologia di modelli storici del marchio torinese che conta migliaia di successi sportivi.

Sabato 22 giugno, la rassegna torinese ospiterà un altro importante anniversario: i festeggiamenti per i cento anni dalla fondazione di Citroen. Per l’occasione, un meeting animato dalle 100 vetture maggiormente rappresentative per il Double Chevron, che saranno presenti nei colori di tutti i club affiliati italiani, muoveranno dai Murazzi verso la Palazzina di Caccia di Stupinigi ed affrontare il percorso cittadino nelle vie del centro di Torino. Alla sera, la simbolica Mole Antonelliana si illuminerà per l’occasione. Sempre sabato 22, Parco Valentino celebrerà i trent’anni dal debutto sul mercato di Mazda MX-5: gli appassionati proprietari della roadster più venduta al mondo convergeranno nel Parco Dora, dove ad attenderli ci saranno Tom Matano (uno dei “padri” del progetto MX-5) e Nobuhiro Yamamoto, il tecnico la cui identità è da lungo tempo legata a filo doppio allo sviluppo di Mazda MX-5.

I premi dedicati al grande Design

Il capoluogo piemontese è, da tempo, al centro di una marcata evoluzione di immagine, rivolta alla riscoperta del territorio urbano e metropolitano di Torino non soltanto in chiave motoristica, quanto culturale in senso più ampio: due concetti che, in ambito industriale, si esprimono nell’espressività di alto artigianato e di stile correlate al mondo dell’automobile. Ecco, quindi, l’ampio spazio che Parco Valentino Motor Show dà al car design: un giusto risalto – Torino è da sempre culla di alcune delle più grandi “matite” e dei più prestigiosi atelier di carrozzeria che molto hanno contribuito al ruolo dell’Italia fra i grandi Paesi produttori – che alla rassegna viene messo in evidenza da esposizioni e riconoscimenti. Già questa sera (mercoledì 22 giugno) è in programma il Car Design Award, premio internazionale organizzato dalla rivista Auto&Design, dove si procederà all’elezione del miglior design di prodotto, miglior design di concept car e miglior brand design language.

Novità di quest’anno è il Collector’s Award: i grandi stilisti dell’auto italiani, riuniti nel Comitato d’onore di Parco Valentino, conferiranno un premio speciale ai collezionisti internazionali che espongono le rispettive prestigiose auto nei principali eventi automotive del mondo. A seguire, sarà poi la volta del premio Parco Valentino Designer Award, dedicato ai più eminenti car designer italiani: Alfredo Stola che festeggia i cent’anni della famiglia Stola per l’automobile, e Giovanna Scaglione, figlia di Franco Scaglione, dalla cui matita sono nate leggende come Alfa Romeo 33 Stradale ed Abarth 750 Record Bertone; nonché, con particolare attenzione ai giovani, Umberto Palermo (Mole Automobiles), promessa del car design che verrà premiato dalla Fondazione Claudio Nobis, sorta per volontà di Elena Croce con l’obiettivo di sviluppare la cultura, in particolare tra i giovani, attraverso ogni forma di approfondimento e di formazione.

Parco Valentino Motor Show: auto storiche in passerella

Fra le iniziative che debuttano nell’edizione 2019 del Salone di Torino, da segnalare l’esordio di Parco Valentino Classic, concorso d’eleganza per modelli unici ed auto storiche di grande prestigio che si terrà sabato 22 giugno, nella cornice di piazza Vittorio Veneto alla volta del Cortile del Castello del Valentino attraverso una sfilata nella centralissima via Roma: l’esemplare vincitore verrà insignito del riconoscimento Best in Show, con un premio esclusivo realizzato da GFG Style di Giorgetto e Fabrizio Giugiaro.

L’articolato cartellone dei raduni viene animato, fra gli altri, dalle muscle car americane del Petrolicious Rally; dal Club Fiat Coupé, che celebra i venticinque anni dal debutto sul mercato della anticonformista sportiva disegnata dall’estroso Chris Bangle e Pininfarina; dal meeting dei Registri storici Porsche classic 356, 911-912, 914 e 924-944-928-968. “Padroni di casa”, il Lancia Club, il raduno dei cinquant’anni di Autobianchi A111 ed A112 (sabato 22); la seconda edizione di “457 Stupinigi Experience”, in cui una selezione di Fiat 500 (nome in codice di progetto, appunto, 457) muoveranno dalla Palazzina di Caccia di Stupinigi, dove venne impostato il progetto della “Nuova 500”, per una sfilata nel centro di Torino e l’esposizione finale in piazza Bodoni. Le “antenate” saranno altresì protagoniste della celebrazione, organizzata da RACI in collaborazione con ASI, della Torino-Asti-Torino, la più antica competizione motoristica italiana che si tenne nel 1895: gli appassionati potranno ammirarle, venerdì 21 giugno, in piazza Vittorio Veneto, in movimento sabato 21 nella rievocazione storica, e domenica 23 nella sfilata conclusiva.

Il Gran Premio Parco Valentino

Non c’è Salone di Torino, senza Gran Premio del Valentino: come già avvenuto nelle scorse edizioni, anche quest’anno la conclusione della “cinque giorni” torinese vivrà il proprio momento-clou nel Gran Premio Parco del Valentino, che ripercorre le orme di uno dei momenti più significativi nella storia sportiva di Torino: il GP che si svolse nel 1946, 1952 e 1955. Domenica 23 giugno, la parata di “stelle a motore” (vetture da competizione, prototipi, “pezzi unici” e supercar) partirà da piazza Vittorio Veneto per un percorso di 40 km che attraverserà via Roma e piazza San Carlo verso la Reggia di Venaria, lungo i tornanti delle eleganti colline torinesi.

Mobilità sostenibile e scienza: i progetti del Politecnico di Torino

Un rilevante spazio hi-tech viene riservato, anche quest’anno, alla nuova mobilità elettrificata: accanto alle più recenti novità di mercato “zero emission” (non mancherà peraltro un momento di incontro: nella fattispecie, il raduno dinamico a cura del Tesla Club Italy), da segnalare il progetto MoveTo, idea di “new mobility” che vede la presenza di IDRAkronos, prototipo alimentato a idrogeno da più di 3.000 km con un litro, e XAM, citycar ibrida già pronta per affrontare il futuro. Entrambi gli studi vengono realizzati dal Politecnico di Torino, attivo da più di un decennio nella progettazione e realizzazione di veicoli ad alta efficienza con sistemi propulsivi alternativi per la Shell Eco-marathon. Nell’evento dinamico MoveTo, gli studenti del Team H2politO del Politecnico di Torino metteranno in evidenza come ancora una volta le innovazioni tecnologiche messe a punto per le competizioni costituiscono la base della futura mobilità cittadina ecosostenibile.

Altri contenuti