Continental: dall’auto alla bicicletta, sempre alla ricerca dell’eccellenza

Conosciuta soprattutto per i suoi pneumatici auto, Continental offre coperture innovative anche per il settore bici. Il legame con il ciclismo è rimarcato dalla sponsorizzazione del Tour de France 2019.

La sicurezza a 360 gradi, dalle auto alle moto, senza dimenticare le biciclette. Continental conferma il suo impegno per la sicurezza di tutti gli utenti della strada – aspetto che rappresenta il cuore e l’anima di tutte le attività della compagnia – e sottolinea il suo legame con il mondo del ciclismo con la sponsorizzazione del Tour de France 2019, ovvero il più prestigioso evento del ciclismo internazionale.

In realtà, l’impegno di Continental coinvolge i tre “grandi giri”, quindi Giro d’Italia, Tour e Vuelta di Spagna, per abbracciare idealmente tutto il mondo del ciclismo, un settore nel quale il produttore tedesco di pneumatici gioca un ruolo da protagonista. Continental infatti produce una vasta gamma di pneumatici e tubolari per bici, che attualmente rappresentano il distillato di un’esperienza pluricentenaria nello sviluppo e nella produzione di coperture per biciclette. Il gruppo iniziò la produzione di pneumatici per bici addirittura prima di quella per auto: risale al 1892 la commercializzazione del primo pneumatico con camera d’aria per biciclette, mentre le coperture per veicoli furono prodotte solo sei anni dopo, a partire dal 1898.

Il Tour de France, una scelta strategica per Continental

Dopo oltre 20 anni di sponsorizzazione nel mondo del calcio, la partnership con il Tour de France ha l’obiettivo di rafforzare ulteriormente l’immagine e la percezione di Continetal a livello europeo, grazie all’audience potenziale di ben 2,5 miliardi di spettatori tra televisione e digital. «Per noi il Tour de France rappresenta un’ottima piattaforma per promuovere il brand come uno dei produttori di pneumatici con le competenze tecniche più elevate al mondo» ha dichiarato Christian Kötz, membro del board esecutivo di Continental AG e responsabile della divisione pneumatici. «Abbiamo un’esperienza pluriennale nella produzione di pneumatici da competizione per il Tour de France e una lunga tradizione di fornitura dei team con i nostri pneumatici. Il Tour ci aiuta anche a creare un ponte tra i ciclisti e i guidatori ed a sottolineare il nostro impegno nella ambiziosa Vision Zero, che punta ad un mondo senza decessi sulla strada, senza feriti e anche senza incidenti».

Continental è l’unico produttore di pneumatici che produce ancora tutte le sue coperture per biciclette in Germania e sviluppa le sue innovative tecnologie per il ciclismo all’interno del polo tecnologico storico di Korbach, dove l’azienda iniziò la produzione nel lontano 1871. L’eccellenza tecnologica di Continental nel settore dei pneumatici per bici è rimarcato dal fatto che ben sei team del Tour de France 2019 utilizzeranno gli pneumatici del produttore tedesco.

Korbach: dove passato, presente e futuro si incontrano

Visitare lo stabilimento di Korbach equivale a fare sia un salto indietro nel passato – nella sede storica di uno dei primi produttori al mondo di pneumatici – sia un passo avanti nel futuro, perché qui oggi Continental sviluppa le nuove tecnologie per gli pneumatici da bici che successivamente arrivano alla produzione. Il presente è rappresentato da una produzione di gomme per auto che raggiunge standard d’eccellenza sia all’interno del gruppo che nell’intera industria degli pneumatici.

In questa cittadina dell’Assia, proprio al centro della Germania, il gruppo produce ben 30.000 pneumatici al giorno. Quello che più stupisce è la varietà di coperture che escono dalle linee di produzione, praticamente ogni tipo di gomma per le più differenti applicazioni: dagli pneumatici per citycar a quelli per supersportive, da quelli per veicoli commerciali a quelli per carrelli elevatori, senza dimenticare ovviamente le coperture per biciclette.

All’interno dello stabilimento, che impiega oltre 3.600 addetti, il processo di produzione artigianale incontra la più innovativa tecnologia, per creare dei prodotti di altissima qualità. La fabbrica vanta una linea di produzione di pneumatici sperimentali per auto completamente automatizzato, che abbiamo potuto visitare. Tutto parte dalla mescola, che all’inizio si presenta come un grande “lenzuolo” di gomma, ma stazione dopo stazione si trasforma nel pneumatico finito dopo essere stato tagliato e messo nelle apposite presse ad alta temperatura per la vulcanizzazione. Le operazioni sono gestite interamente dalle macchine, mentre agli operatori sono riservati i ruoli di controllo e di supporto.

BlackChili e le altre tecnologie innovative di Continental

Il sito di Korbach rappresenta anche il meglio della produzione di pneumatici per bici ed è qui che vengono sviluppate e realizzate le coperture ultraperformanti destinate ai corridori del Tour. Ovviamente, queste tecnologie vengono travasate anche nella produzione di serie diventando così accessibili ai ciclisti dilettanti e amatori.

Tra i risultati più importanti del processo di ricerca c’è BlackChili Compound, una mescola sviluppata utilizzando le più avanzate conoscenze sui polimeri e sulla ricerca dei materiali. Continental ha messo a disposizione del settore del ciclismo una copertura all’avanguardia, la cui formulazione può variare in base alla specifica disciplina, dal ciclismo su strada alla mountain bike, dalle cronometro al downhill. Per ottenere una presa, una velocità e una durevolezza ai vertici nel segmento degli pneumatici per bici, vengono utilizzate particelle di nerofumo e sofisticati materiali riempitivi.

La produzione degli pneumatici BlackChili è così avanzata che l’unico stabilimento in grado di incontrare gli elevati standard produttivi richiesti è proprio quello di Korbach. Qui abbiamo potuto assistere ad alcune delle fasi produttive dei prodotti dedicati alle biciclette: il processo di produzione è simile a quello delle auto, ma in questo caso il livello di automazione è inferiore, infatti quasi tutte le fasi vengono affidate agli addetti.

Urban Taraxagum, la sostenibilità ora anche per le bici

Il presente per Continental è rappresentato anche dalla crescente attenzione alla sostenibilità, come conferma la produzione del nuovo pneumatico Urban Taraxagum, dedicato alle bici da utilizzare prevalentemente in ambito urbano. Queste coperture, che derivano dalla stessa tecnologia degli pneumatici auto, utilizzano il tarassaco come fonte naturale per la gomma al posto del caucciù, la cui coltivazione intensiva causa deforestazione in diverse regioni del mondo per fare posto alle piantagioni. Il tarassaco, invece, essendo una pianta infestante e dalla crescita rapida, può essere coltivato praticamente ovunque.

Dalle auto alle bici, la tecnologia di Continental al servizio della sicurezza incontra l’ecocompatibilità e guarda al futuro per realizzare gli ambiziosi obiettivi che il gruppo tedesco ha come visione programmatica, da quasi 140 anni.

Continental: dall’auto alla bicicletta, alla ricerca dell’eccellenza Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Nuova Peugeot 2008

Altri contenuti