Pagani, a Ginevra si celebra il ventesimo anniversario della Zonda

La celebre hypercar modenese celebra q0 anni di successi sotto i riflettori del Salone di Ginevra 2019.

Pagani Automobili – factory fondata da Horacio Pagani, specializzata in esotiche hypercar e con sede a San Cesario sul Panaro (Modena) – ha annunciano che festeggerà il 20° anniversario dalla presentazione della Zonda C12 in occasione dell’imminente Salone di Ginevra 2019 (7-17 Marzo). Per l’occasione, l’azienda modenese porterà alla kermesse svizzera il primo esemplare della Zonda, completamente restaurato che verrà affiancato da un altrettanto rara Pagani Huayra Roadster, impreziosita da una finitura speciale e da un corpo vettura con fibra di carbonio a vista.

Sonno passati esattamente vent’anni da quando nel marzo del 1999 venne svelata per la prima volta – proprio al Salone di Ginevra – una Zonda C12. Al momento del suo debutto, la C12 si presentò come un’auto futuristica e rivoluzionaria sotto diversi punti di vista, infatti era capace di regalare al suo pilota la sensazione di essere seduti al posto di comando di un jet da combattimento, appositamente sviluppato per regalare sensazioni forti.

Per la Pagani Zonda fu coniato il nome di hypercar, sottolineando in questo modo l’incredibile particolarità di questa vettura capace di inaugurare una nuova generazione di sportive ad altissime prestazioni e diventando una delle supercar più famose degli ultimi due decenni. Nel corso di tutto questo tempo, la Zonda è stata declinata in tantissime varianti in grado di fare incetta di premi internazionali e di conquistare numerosi record di velocità su alcuni dei tracciati più impegnativi al mondo. L’ambizioso progetto relativo alla realizzazione di questa supercar ha preso forma alla fine degli anni ’90, ovvero in un periodo di forti cambiamenti economici e nuove regole globali. Nuove ed emozionanti iniziative si scontrano con un mercato in contrazione ed in un tale scenario investire molti soldi in una vettura realizzata in pochissimi esemplari poteva sembrare a dir poco una cosa avventata ed estremamente coraggiosa.

Dopo 9 anni di difficili studi e sviluppi innovativi, nasce la Zonda, primo modello realizzato nell’atelier Pagani situato nel modenese. Gli uomini che hanno partecipato alla realizzazione della Zonda sono riusciti a fondere in un’unica opera d’arte la scrupolosa abilità manuale degli artigiani fiorentini e rinascimentali con le sofisticate tecnologie utilizzate in Formula 1.

Horacio Pagani, Fondatore e Chief Designer ha dichiarato: “Essenzialmente, siamo tutti appassionati di auto a Pagani Automobili. Amiamo tutte le macchine, ma in particolare quelle che hanno alimentato i nostri sogni d’infanzia; che ancora ci ispirano e lo sarà anche per i futuri designer. È noto che noi stessi ci siamo ispirati ai veicoli di Le Mans degli anni ’80 e ’90 per lo sviluppo della Zonda che ha successivamente influenzato il progetto Huayra; che, a sua volta, lo farà con i prossimi modelli Pagani. Oggi rendiamo omaggio alla Zonda, l’auto che ci ha permesso di crescere, confermare i nostri giochi iniziali e, soprattutto, condividere la nostra grande passione con tutto il mondo”.

Pagani Zonda, a Ginevra il 20° anniversario Vedi tutte le immagini
Altri contenuti