F1 2019: a Silverstone presentata la Mercedes W10

Affinata nell’aerodinamica, anche in ossequio ai nuovi regolamenti, la monoposto anglo-tedesca ha mosso i primi giri di ruota sul tracciato di oltremanica.

Anno nuovo, obiettivi invariati. Per la imminente stagione F1 2019, alla quale manca poco più di un mese (il via avverrà nel weekend del 17 marzo, a Melbourne), Mercedes toglie il velo alla monoposto W10, ovvero la vettura da battere; che si presenta al vernissage di Silverstone, in queste ore, pressoché identica nella livrea – l’”Argento Mercedes”, sebbene qui arricchito con nuovi dettagli in tinta verde acqua, non si tocca: è un po’ come il Rosso Ferrari – quanto “ovviamente” affinata nelle soluzioni aerodinamiche.

Per il “filming day” sul tracciato di oltremanica – una sorta di antipasto, a beneficio dei media, di ciò che vedremo, in maniera più marcata e tecnologicamente “definitiva” per il via alla nuova stagione della massima Formula, ai prossimi test preliminari di Barcellona (due le sessioni, che verranno “spalmate” fra lunedì 18 e giovedì 21 febbraio; e fra martedì 26 febbraio e venerdì 1 marzo) – le nuove monoposto Mercedes FW10 (nome completo: Mercedes-AMG F1 W10 EQ Power+) affidate al campione del mondo in carica Lewis Hamilton ed alla “seconda guida” Valtteri Bottas (quinto nella classifica finale Piloti 2018) hanno compiuto i rispettivi primi giri di ruota.

Mercedes F1 W10: ecco le novità

Dal punto di vista delle novità, gli elementi che catturano immediatamente l’attenzione sono rivolti, rispettivamente, alle dimensioni visivamente più strette per il retrotreno, la collocazione maggiormente rialzata dell’ala posteriore (la quale sembra, dal canto suo, aumentata nelle dimensioni), il DRS più in alto ed un profondo re-engineering alle “pance” laterali, anch’esse più elevate in rapporto a quelle utilizzate nella stagione 2018. Per motivi regolamentari, l’ala anteriore mette in evidenza cinque elementi; il “musetto”, dal canto suo, non sembra essere stato interessato da alcuna modifica. Al contrario, l’attenzione dei tecnici Mercedes si è focalizzata sul progetto delle sospensioni anteriori, più rialzate.

È proprio l’aspetto dinamico attualmente sotto i riflettori, come mette in evidenza il direttore tecnico James Allison sulla scorta delle novità ai regolamenti introdotte per il 2019, in seguito alle quali “Abbiamo ricevuto l’opportunità di adeguare, in maniera più ‘rapida’ possibile, gli aspetti giudicati migliorabili nelle nostre precedenti monoposto W8 e W9, soprattutto riguardo alle performance del retrotreno”. “Siamo intervenuti in maniera piuttosto importante su sospensioni e flussi, in maniera da ottenere una risposta ancora più genuina alle ruote posteriori in ordine, contiamo, di permetterci di essere competitivi per l’intero arco di gara e in tutti gli appuntamenti di stagione”.

È chiaro che, nella fase di progettazione, appariva significativa la modifica al peso minimo introdotto dalle nuove regolamentazioni 2019 (le vetture passano da 733 a 740 kg compreso il pilota): un dettaglio che ad una prima occhiata potrebbe non apparire così rilevante; tuttavia, rimarca Allison, ciò ha costituito l’occasione per “Rivedere totalmente le parti già oggetto, l’anno scorso, di una ‘limatura’ nel peso”.

Sostanzialmente invariata, nei regolamenti 2019, la tecnologia delle power unit: in questo caso, l’intervento è rivolto ad un generale affinamento in chiave evolutiva, ovviamente orientato alle prestazioni ed all’affidabilità del gruppo propulsore, in particolar modo relativamente “Al sistema di raffreddamento, in modo che attraverso di esso arrivino dei benefici tanto all’aerodinamica quanto all’efficienza della power unit”, osserva Andy Cowell, responsabile della Divisione Performance Powertrains di Mercedes-AMG.

Wolff: “Nulla di scontato”; Hamilton: “Entusiasta”

Nel mirino  delle “Frecce d’Argento” Mercedes, vittoriose nelle ultime cinque stagioni, c’è il record dei sei titoli di fila messi a segno da Ferrari (rispetto alla quale l’unveiling è arrivato con due giorni di anticipo), dal 1999 al 2004. Il numero uno del team, Toto Wolff, non dà nulla per scontato: “Il 2019 rappresenterà una nuova sfida per tutti, dunque ciascun team concorrente può rappresentare una minaccia. Le sostanziali novità regolamentari ci indicano che dobbiamo ripartire ‘da zero’, giocarci le nostre carte in maniera da convincere i tifosi e noi stessi di essere ancora una volta i migliori. Quindi non c’è nulla di scontato: come i nostri avversari, anche noi inizieremo la stagione ‘a zero punti’; nessuno pensi che riteniamo di dover essere davanti ‘per diritto’”.

Il campione del mondo Lewis Hamilton, contestualmente ai primi giri di ruota delle monoposto W10 a Silverstone, ha commentato la novità sul proprio profilo Twitter: “La W10 è qui! Cosa ne pensate della nuova livrea di quest’anno? Davvero, non vedo l’ora di mettermi al volante della vettura già da oggi”.


Mercedes-AMG W10 F1 2019, presentazione a Silverstone: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti su Mercedes-Benz