Volvo: richiamo per 219.000 vetture diesel

Volvo si prepara a lanciare una campagna di richiamo per 219.000 vetture diesel che sarebbero a rischio per una possibile perdita di carburante.

Volvo si prepara al richiamo di 219.000 vetture con motore diesel prodotte tra il 2015 e il 2016. La casa costruttrice non ha ancora diramato alcuna comunicazione ufficiale, ma la notizia è stata anticipata dal quotidiano svedese Aftonbladet.

Secondo quanto riferito, il richiamo Volvo si renderà necessario per via della possibile perdita di carburante dei veicoli interessati. Il difetto sarebbe stato riscontrato nelle tubazioni d’alimentazione, le quali potrebbero presentare delle leggere crepe al loro interno che, una volta sotto pressione, porterebbero alla fuoriuscita del gasolio all’interno del vano motore.

Buona parte delle 219.000 vetture coinvolte nel richiamo sono state immatricolare in Svezia, Germania e Regno Unito, per cui sembra ridotto l’impatto sul mercato italiano. Tra i modelli ci sarebbero le varianti diesel di Volvo V40 e V40 Cross Country, V60 ed S60, XC60, V70, XC70, S80 e XC90.

Il quotidiano precisa che al momento non sono stati segnalati incidenti riconducibili al difetto delle tubazioni, ma Volvo intende ovviamente agire per tempo ed evitare qualsiasi rischio mediante la sostituzione gratuita dei componenti potenzialmente difettosi. I clienti interessati saranno contattati direttamente dal costruttore.

Volvo XC90 Armoured, nuovo SUV blindato: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti su volvo