F1 Gran Premio di Abu Dhabi: riparte la caccia ad Hamilton!

Vince ancora lui, ma i lavori per la stagione 2019 iniziano presto. Hamilton e Mercedes restano i più forti, ma il libro della prossima stagione è ancora tutto da scrivere.

Ultima gara del 2018, si corre sul circuito di Yas Marina, atto finale di una stagione da urlo, ricca di battaglie, colpi di scena, errori inaspettati e pagati a caro prezzo, una stagione tutta al limite per un Mondiale tiratissimo, perché questa è la Formula1, inimitabile, unica, avvincente, unico mondo spaziale sulla terra!

Si stanno per spengere gli ultimi semafori dell’anno, via! Parte bene la prima fila, anche la seconda, Ricciardo rimane attaccato a Raikkonen, poi Leclerc in sesta posizione, che affianca Ricciardo ma attenzione c’è Hulkenberg che sta a testa in giù con la sua Renualt, arriva un estintore, c’è fuoco dietro la monoposto, comunque il tedesco ha parlato e pare stia bene. Safety Car!

Hulkenberg si è preso con una gomma anteriore sinistra di Grosjean, a vedere le immagini sembra chiaramente un incidente di gara e fortunatamente abbiamo visto con i nostri occhi camminare il tedesco verso l’auto medica. Al giro 5 si riparte, Leclerc passa subito Ricciardo, mentre Verstappen da dietro, dopo una pessima partenza a causa di qualche problema con il motore, cerca di risalire la classifica dalla decima posizione, lottando con Perez e Ocon, al quale dà una ruotata e lo passa ma il francese lo ripassa ancora, c’è ruggine tra i due, che bel duello! Intanto vola Leclerc, che passa Raikkonen, ma il finlandese pianta la sua SF71H in pieno rettilineo per un problema tecnico, finisce così la sua ultima gara in Ferrari. Virtual Safety Car in pista.

Nel frattempo Hamilton si è fermato a cambiare le gomme, montando le supersoft, è in quinta posizione e in lotta con Verstappen, i due fanno sul serio, così l’inglese lo passa, ma l’olandese lo ripassa ancora! Wow! Al giro 11 questa è la classifica: Bottas, Vettel, Ricciardo, Verstappen, Hamilton, Ocon, Perez, Ericsson, Sainz, Gasly, Alonso, Leclerc, Magnussen, Stroll, Vandoorne, Grosjean, Sirotkin, Hartley.

Giro 16, pit stop per Vettel che monta gomma rossa; il tedesco esce in sesta posizione tra le due Force India, delle quali si libera subito. Durante il cambio gomme un meccanico ha avuto un problema con una pistola, per questo motivo si ritrova dietro Bottas, dopo che il finlandese si era fermato ai box. Interessante la battaglia, a centro gruppo, tra Ocon e Sainz ed Ericsson e Gasly. Giro 22, questa la classifica, con Ricciardo che ancora non rientra ai box e comanda il gruppo in testa. Dietro di lui ci sono Hamilton, Bottas, Vettel, Verstappen, Perez, Sainz, Ericsson, Gasly, Alonso, Leclerc, Magnussen, Stroll, Vandoorne, Grosjean, Sirotkin, Ocon e Hartley. Intanto c’è un allarme pioggia che potrebbe arrivare sul circuito, a questo punto Ricciardo sarebbe avvantaggiato e infatti avvisa così il suo ingegnere: “le mie gomme stanno bene”.

Mentre Ricciardo continua a girare senza fermarsi, Hamilton si avvicina a Daniel, ma è ancora più interessante osservare le prestazioni di Vettel, veloci, che gli consentono odi avvicinare Bottas per lottare per la terza posizione. Che sorpasso di Vandoorne!!! Prima viene attaccato da Ocon e Grosjean, poi con un solo colpo fa fuori tutti e due! Altro wow! Giro 34, Ricciardo si ferma e monta gomme super soft, quando torna in pista si trova in quinta posizione dietro a Hamilton, Bottas, Vettel e Verstappen. Un giro dopo Vettel si trova ruota a ruota con Bottas e lo passa, andando a caccia di Lewis Hamilton. Il finlandese forse ha un problema col motore, cerca di difendersi da Verstappen, nel frattempo Ricciardo vola e si avvicina al compagno di squadra. Super sorpasso di Max Verstappen dove nessuno mai ci prova, lui e Bottas si sono toccati ruota a ruota con tanto di fumata, che adrenalina! Anche Ricciardo lo svernicia facilmente, Bottas chiede ai box di verificare quale problema lo stia penalizzando.

Mancano pochissimi giri, i primi 4 sono molto vicini tra loro, il più nervoso di tutti pare essere Verstappen, che chiede più potenza al suo ingegnere per avvicinarsi a Vettel e per distanziare Ricciardo. Ultimi chilometri anche per Alonso, che intanto ci lascia in ricordo un bel radio box, quando il suo muretto lo avverte: “forza Fernando, vai a prendere questo punto, ti stiamo dando più potenza al motore!”; lo spagnolo risponde così: “un punto?? Io ne 1800 di punti in carriera!”…semplicemente unico!

A Yas Marina Hamilton vince anche l’ultima gara della stagione, lo seguono Vettel, Verstappen, Ricciardo, Bottas, Sainz, Leclerc, Perez, Grosjean, Magnussen, Alonso, Hartley, Stroll, Vandoorne e Sirotkin. Su questa stagione abbiamo detto tanto, forse tutto, la prossima è vicina, considerando che i test per il 2019 iniziano già questo martedì. A presto!

 

 

Altri contenuti