EuroNcap: i risultati dei crash test di ottobre 2018

5 stelle Ncap per Hyundai Nexo (prima vettura a idrogeno oggetto dei crash test), Lexus ES, Mazda6 e Mercedes Classe A; 4 stelle per le “cugine” Citroen Berlingo, Opel Combo e Peugeot Rifter.

Sono sette le novità di mercato sottoposte nelle scorse ore ai crash test EuroNcap di ottobre: la “tornata” delle simulazioni di urto effettuate dai tecnici del New Car Assessment Programme di Bruxelles ha riguardato, in ordine alfabetico, Citroen Berlingo, Hyundai Nexo, Lexus ES, Mazda6, Mercedes Classe A, Opel Combo e Peugeot Rifter. I risultati sono nel complesso più che buoni: in ordine decrescente, punteggio pieno (ovvero le “cinque stelle” Ncap) per Nexo, ES, Mazda6 e Classe A; e quattro stelle per Berlingo, Combo e Rifter, modelli accomunati dal medesimo progetto (impostazione di piattaforma e meccatronica condivisa).

Da segnalare, fra le novità di rilievo, il crash test realizzato su Hyundai Nexo, primo autoveicolo a idrogeno a passare per le “forche caudine” Ncap: esame superato in maniera peraltro brillante, come vedremo. La nuova “fuel cell” corana, così come la ibrida Lexus ES, rappresentano per EuroNcap “Nuove occasioni di studio sulla garanzia di adeguata sicurezza, abbinata all’efficienza energetica, attualmente in primo piano fra le strategie delle principali Case auto”, sottolinea in una nota diramata in queste ore Michiel van Ratingen, segretario generale di EuroNcap, puntando altresì i riflettori sulle positive valutazioni fatte registrare dai modelli sottoposti alle prove di impatto in merito alla dotazione dei dispositivi di protezione pedoni e ciclisti che all’inizio di quest’anno è stata introdotta, ad integrazione dei sistemi richiesti negli ultimi anni per l’ottenimento delle “cinque stelle” Ncap: frenata d’emergenza Aeb per pedoni, modalità City ed extraurbano, limitatore di velocità e Lane Assist.

Di seguito i risultati dei crash test EuroNcap di ottobre 2018.

Citroen Berlingo. La nuova generazione dell’MPV del Double Chevron “paga” l’assenza della funzione ciclisti nel modulo di frenata autonoma d’emergenza AEB, nonché del cofano proattivo di protezione pedoni: “peccati veniali”, che tuttavia – in ossequio ai nuovi parametri introdotti quest’anno dall’ente di Bruxelles – non le consentono di aggiudicarsi le “cinque stelle” Ncap. Per converso, il grado di sicurezza complessivo è elevato: 91% per i passeggeri adulti, 81% per i bambini a bordo, 58% per gli utenti più vulnerabili (appunto, pedoni e ciclisti) e 68% relativamente alla presenza di sistemi di sicurezza attiva di serie.

Hyundai Nexo. Il SUV-crossover alto di gamma coreano, ad alimentazione fuel cell, ha riportato una delle migliori valutazioni. Nello specifico, la protezione assicurata ai passeggeri adulti è, in termini percentuali, del 94%, quella per i bambini dell’87% e quella per le categorie di utenti più “deboli” del 67%; all’80% la sicurezza offerta dai moduli installati a bordo.

Lexus ES. La berlina ibrida alto di gamma tiene fede alle proprie caratteristiche anche nei crash test Ncap: le “cinque stelle” le sono state assegnate in virtù di un grado di protezione elevato su tutti i fronti. La sicurezza per gli occupanti adulti è stata valutata al 91%, quella per i bambini all’87%, quella per gli utenti più vulnerabili al 90%, e al 77% l’equipaggiamento di sistemi attivi di serie.

Mazda6. Anche la nuova serie del modello “top di gamma” del marchio giapponese ha ottenuto “cinque stelle” Ncap: in particolare, i tecnici di Bruxelles hanno tradotto, in valori percentuali, al 95% il grado di protezione per gli occupanti adulti, al 91% quello per i bambini a bordo, al 66% quello per pedoni e ciclisti ed al 73% la dotazione di sistemi di sicurezza attiva presenti nell’esemplare oggetto del crash test.

Mercedes Classe A. La nuova generazione di Classe A si rivela ai vertici della propria categoria per grado di sicurezza complessivo: nello specifico, la protezione assicurata ai passeggeri adulti è al 96%, quella per i bambini a bordo al 91%, quella per le categorie di utenti più vulnerabili al 92%; al 75% la dotazione di sistemi di sicurezza a bordo.

Opel Combo. Medesima impostazione di Berlingo e Rifter, e identica valutazione Ncap: la nuova serie del “multispazio” di Russelsheim ha ottenuto quattro stelle, e in valori percentuali il 91% di protezione per i passeggeri adulti, l’81% per i bambini, il 58% per pedoni e ciclisti e il 68% relativamente ai sistemi di sicurezza attiva installati nell’esemplare sottoposto alle simulazioni di urto EuroNcap.

Peugeot Rifter. Come Berlingo e Combo.

Opel Combo Van e Combo Life XL 2018 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti