F1: la Ferrari F150 celebra l’Unità d’Italia

Luca di Montezemolo ha rivelato che il nome della monoposto Ferrari per il campionato 2011, in onore dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Luca di Montezemolo ha rivelato che il nome della monoposto Ferrari per il campionato 2011, in onore dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

In occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, anche la Ferrari darà il suo contributo per celebrare questo evento nazionale. Ieri, alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la Casa di Maranello ha svelato il nome della sua monoposto che si appresta a correre il campionato 2011 di Formula 1.

Sarà dunque la F150 la nuova rossa italiana, da sempre uno dei marchi che hanno portato alto il nome dell’Italia in giro per il mondo, come sintetizzato dallo stesso Luca Cordero di Montezemolo che la presenterà ufficialmente venerdì a Maranello nel corso di un evento che sarà trasmesso in diretta su Rai 2 e sul sito della Ferrari.

L’indomani – nel circuito di Fiorano incominceranno i primi test di questo nuovo bolide inizialmente identificato come “progetto 662”. Sfidando il freddo, farà alcuni giri di prova sotto gli occhi degli addetti ai lavori, primo passo verso la riconquista del titolo iridato che lo scorso autunno è sfumato per un soffio.

La nuova monoposto, come del resto tutte vetture del Circus, non è ancora stata svelata nei particolari e nelle caratteristiche tecniche e aerodinamiche: per vederla nella sua completezza, occorrerà aspettare i test che si svolgeranno a Valencia a inizio febbraio, un mese prima del via al campionato in Bahrain (11-13 marzo).

Intanto si sa che il Tricolore, da molti anni presente nella livrea delle monoposto di Maranello, nel 2011 avrà una collocazione ancora più significativa ed evidente.

Formula 1: mondiale 2010 da record Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Ferrari F8 by Novitec: 802 CV bastano?
News

Ferrari F8 by Novitec: 802 CV bastano?

La factory del Baden-Württemberg, ben conosciuta dai super-appassionati di modelli ad elevatissime prestazioni, aggiorna il proprio catalogo di elaborazioni dedicate alla “Ottovù” più potente di sempre.