Auto e Moto d’Epoca 2018: tutte le informazioni

Più di 5.000 auto storiche in esposizione, l’asta Bonhams, club ed associazioni; ricambisti e collezionisti: ecco cosa ci sarà nell’edizione 2018 della rassegna in programma a PadovaFiere dal 25 al 28 ottobre.

Ad una decina di giorni dal “taglio del nastro” all’edizione 2018, gli organizzatori di Auto e Moto d’Epoca annunciano in anteprima le presenze di rilievo che da giovedì 25 a domenica 28 ottobre rappresenteranno il fulcro dell’evento in programma a PadovaFiere. La manifestazione, giunta al 35. anno, costituisce uno degli eventi di maggiore rilievo nel panorama europeo del motorismo storico. Ecco una panoramica sugli eventi a tema e sulle iniziative in cartellone.

A Padova il centro del mercato “classic”

Più di 5.000 vetture in esposizione: tale spiegamento di forze fa di “Auto e Moto d’Epoca 2018” il principale mercato “classic” in Europa. Da segnalare, spulciando i modelli dal più spiccato appeal storico, Rolls Royce e Bentley degli anni 20 e 30, Ferrari Daytona, Maserati A6GCS, Bugatti EB110 e Fiat Balilla Coppa d’Oro, una rassegna di Bmw anteguerra, Maserati, Mercedes “Pagoda” e Jaguar E-Type, Lancia Fulvia Zagato Competizione e Ferrari 250 GT allestimento Competizione, Alfa Romeo GTA 1600, Lamborghini 400 GT, Lancia Aurelia B20, Mercedes 300SL e 190SL; e ancora: Lotus, Jaguar, Abarth, Dino Ferrari e il consueto nugolo di modelli più “popolari” ma ugualmente di rilievo nella storia dell’automobile: Fiat 500 e Citroen 2CV, Volkswagen Maggiolino e Mini, Autobianchi Bianchina, A112 ed Y10, Alfa Romeo Giulia – in tutte le versioni – e Volkswagen Golf GTI. Ce ne sarà per tutti i gusti (e per tutte le tasche).

Auto e Moto d’Epoca 2018: tutte le anteprime

Non è frequente assegnare il titolo di “regina” a Voisin: il marchio francese, creato da Grabriel Voisin, pioniere dell’aviazione d’oltralpe, fuse nel proprio messaggio di produzione i dettami dell’industria aeronautica (disegno aerodinamico, pesi ridotti, largo impiego di alluminio e costante ricerca di essenziale funzionalità) applicati al settore dell’automobile. Ecco, ad esempio, la Voisin C1 del 1921 proveniente dal Museo Nicolis di Villafranca di Verona: la vettura dall’emblema della colomba stilizzata che si ispirava alla dea egizia Iside, oltre ai caratteristici finestrini “a vetrina” che si ripiegano fino a scomparire nella portiera (la carrozzeria fu opera di Alfred Belvalette), veniva equipaggiata con motore “avalve” e cambio elettromagnetico. Altro debutto di primo piano ad “Auto e Moto d’Epoca”, le celebri creazioni di Shelby American, l’azienda di Carroll Shelby tutt’ora ai vertici nel panorama statunitense delle Case auto “indipendenti”: a Padova saranno esposte una Shelby Cobra 289 Street Version e la sua versione dedicata alle competizioni. A fianco, la Shelby Cobra 427. Presente, infine,  la CS GT40 MKII: una perfetta riproduzione della vettura vincitrice a Le Mans nel 1966 disponibile, se richiesto, con il FIA Historical Technical Passport.

Spazio al motorsport, una delle “nicchie” che non tramontano mai: a fare gli onori di casa, il due volte campione mondiale rally (1988 e 1989) Miki Biasion, che presenzierà con uno stand d’eccezione nel quale verrà ricostruito il podio della storica vittoria al Rally Sanremo 1988, attorniato dalle varie evoluzioni del progetto Lancia Delta portate in gara dal campione bassanese in coppia con l’inseparabile Tiziano Siviero. Del resto, i rally saranno al centro dell’attenzione anche da parte di Aci Storico (con una “carrellata” delle auto e dei protagonisti della scena iridata in Italia dagli anni 20 all’attuale Rally d’Italia Sardegna) e di Fca Heritage, che a fianco del SUV Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, esporrà la Lancia Delta Integrale Safari della indimenticata vittoria di Biasione Siviero nell’edizione del 1988.

Alcune indicazioni da parte degli organizzatori: fra le 5.000 vetture della mostra-mercato, saranno presenti una MG Metro Gr. B del 1986 ex ufficiale gara, una Lancia 037 Gr. B completamente in Evoluzione 2 del 1982, una Fiat 131 Abarth Gr. 4 del 1976 ufficiale Fiat Auto Spa e una Lancia Delta 16V Gr. A del 1990, autovettura ufficiale Abarth.

Gioielli d’epoca all’asta

Nel 2017 il debutto, quest’anno la conferma: le aste di auto storiche organizzate dalle principali Maison di settore rappresentano un concreto valore aggiunto alle grandi rassegne. Sotto il martello dei banditori all’asta Bonhams in programma sabato 27 passeranno, fra le altre, la Jaguar XK140 del 1956 che appartenne all’attrice Anita Ekberg, indimenticata protagonista de “La Dolce Vita” di Federico Fellini e, al pari della sportiva di Coventry, testimone di una epoca centrale nel costume del 900; una Horch 830BL Convertible del 1939, una Abarth 750 Record Monza del 1959 (esemplare realizzato appositamente in previsione di un impiego agonistico) e una “one off” anch’essa di sicuro interesse: l’unica Alfa Romeo 155 GTA Stradale costruita fra il 1993 ed il 1994.

Club ed associazioni: le presenze di rilievo

A rafforzare l’abbinamento fra modelli storici in esposizione ed il ruolo dinamico affidato alle Associazioni ed ai Registri di marca e modello con i relativi meeting “a tema”, anche per l’edizione 2018 “Auto e Moto d’Epoca” offre agli appassionati un nutrito cartellone di raduni, alcuni dei quali vedono al centro sodalizi che, a loro volta, festeggiano importanti anniversari (segno, questo, che il comparto del motorismo storico è, a sua volta… “storico”). Fra questi, da segnalare i cinquant’anni del Camet-Club Auto e Moto d’Epoca Toscano, fondato nel 1968 – è, quindi, uno dei più “anziani” del settore – che ad “Auto e Moto d’Epoca” sarà presente con due vetture di assoluto prestigio, entrambi “firmati” Pininfarina: una Cisitalia 202 Berlinetta del 1947 ed una Ferrari 250 Mille Miglia che nel 1953 venne utilizzata da Eugenio Castellotti. Il Lancia Club-Registro Storico Lancia, fondato nel 1972, torna in auge alla rassegna di PadovaFiere con una Lancia Lambda Torpedo ed una Lancia Augusta Farina; restando in “tema Lancia” (ed augurandosi che la nutrita presenza di appassionati ai principali eventi di settore sia di suggerimento, per i vertici Fca-Fiat Chrysler Automobiles, a donare nuovo slancio al nobile marchio torinese!), Il Registro Flaminia, dedicato ad uno dei modelli più importanti della storia Lancia, esporrà una Flaminia Convertibile 2.8 del 1964 ed una Flaminia Supersport del 1968. Da segnalare, poi, il Registro Lancia Aprilia, creato nel 1992 e dedicato all’ultima Lancia creata sotto la supervisione del fondatore Vincenzo: alla rassegna padovana esporrà un esemplare – unico nel proprio genere – Cabriolet realizzato dalla carrozzeria svizzera Graber.

Sulla scorta del ruolo pionieristico che il Veneto ebbe nella storia dell’automobile in Italia (all’alba del 1893, fu a Schio la prima autovettura circolante nel nostro Paese; il veronese, e padovano per cattedra accademica, Enrico Bernardi fu uno dei “padri” della meccanica applicata in Italia), il Circolo Veneto Eutomoto d’Epoca intitolato a Giannino Marzotto esporrà proprio una delle Bernardi costruite fra il 1892 ed il 1894, come anticipazione di una interessante kermesse che a luglio 2019 verrà dedicata esclusivamente alle automobili costruite fino al 1904: una sorta di “Londra-Brighton” inedita nel nostro Paese; accanto alla “progenitrice”, vi saranno una OM 665 Mille Miglia, una Maserati 300S che venne portata in gara da Juan Manuel Fangio ed una Osca MT4 1.100, a loro volta testimoni della prossima edizione de “La Leggenda di Bassano”.

Spazio, inoltre, all’”alta sartoria” automobilistica: sotto i riflettori, il Registro Internazionale Touring Superleggera (deputato alla conservazione del patrimonio dell’atelier fondato nel 1926 da Felice Bianchi Anderloni) che ad “Auto e Moto d’Epoca 2018” sarà presente una Alfa Romeo 1900C Super Sprint II Serie Cabriolet ed una Alfa Romeo 6C 2500 Super Sport “Villa d’Este”.

Dalle “regine” alle… “damigelle” che hanno avuto il merito – non da poco, va detto! – di contribuire alla motorizzazione di massa nel nostro Paese: ed ecco, ad “Auto e Moto d’Epoca”, i cinquant’anni di Fiat 500L, la “Lusso” dalle caratteristiche finiture, che verranno celebrati dal Fiat 500 Club Italia nel proprio stand espositivo. Di rilievo, inoltre, la presenza del Club Auto Moto d’Epoca Perugino, che dedica la propria partecipazione ad “Auto e Moto d’Epoca” alla 31. Rievocazione storica della Coppa della Perugina, che il sodalizio umbro organizzerà dal 3 al 5 maggio 2019, nonché del Veteran Car Club di Padova che incentrerà la propria partecipazione alle Alfa Romeo “firmate” Bertone attraverso una retrospettiva a tema, del TR Register Italy – che sarà presente con una TR3 reduce da un tour a Capo Nord, una TR4 appena restaurata e una TR6 che compirà 50 anni nel 2019 -, e dell’MG Car Club Italia in una retrospettiva su MG A Twin-Cam (della “bialbero” vennero prodotti 2.111 esemplari a partire dal 1958).

Debutto di prestigio, infine, per l’SM Club Italia, sodalizio dedicato alla coupé Citroen a meccanica Maserati che, oggi, viene ricordata come uno dei più elevati prodotti automobilistici degli anni 70: le sospensioni ad assetto automatico, il fondo piatto, il profilo a goccia con la coda tronca, la servo-assistenza alla guida, i cerchi in resina, l’impianto frenante che si autoregolava e il fascio dei fari che seguiva la curva fecero di Citroen SM una delle vetture all’avanguardia nel decennio.

Ricambi e collezionismo: occasioni in mostra scambio

Componentistica meccanica e di carrozzeria, aziende ed artigiani specializzati nella produzione, secondo specifiche dell’epoca, di ogni sorta di componente od accessorio, oppure alla vendita di “pezzi” dell’epoca e anche collezionisti che mettono a disposizione degli appassionati il proprio “magazzino”: anche loro, come ogni anno, saranno presenti ad “Auto e Moto d’Epoca” attraverso centinaia di stand dedicati specificamente alle componenti meccaniche, elettriche, d’interni e di carrozzeria dei più importanti marchi italiani ed europei. Gli organizzatori annunciano ben 650 espositori: ci sarà davvero l’imbarazzo della scelta. Saranno “ovviamente” ben rappresentati l’editoria di settore con riviste e documenti storici, il modellismo con una ricca selezione di modellini d’epoca e artigianali, e l’”automobilia”: cimeli sportivi, stampe, coppe, targhe originali e accessori che, come ogni anno, richiameranno la curiosità dei visitatori e degli appassionati di motori.

Porsche ad Auto e Moto d’Epoca 2017 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.