F1: Antonio Giovinazzi ingaggiato da Alfa Romeo Sauber

Il driver pugliese sarà, nel 2019, a fianco di Kimi Raikkonen. Gli ultimi italiani in pianta stabile nella massima Formula erano stati, nel 2011, Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi. Marcus Ericsson resterà nel team come terzo pilota.

Dopo otto lunghe stagioni nelle quali il circus della massima Formula è stato “a digiuno” di piloti italiani che fossero impegnati a tempo pieno, il Tricolore si prepara a svettare nelle griglie di partenza dei GP che andranno in scena il prossimo anno: è infatti stato ufficializzato in queste ore l’ingaggio del ventiquattrenne Antonio Giovinazzi quale nuovo “volante” del Team Alfa Romeo Sauber, a fianco di Kimi Raikkonen la cui “nomina” era avvenuta due settimane fa esatte. Il giovane driver pugliese (è nato a Martina Franca l’11 novembre 1993), che già aveva preso il via in due occasioni con Sauber (GP di Australia e GP della Cina 2017 in sostituzione dell’infortunato Pascal Wehrlein) e da un paio di anni test driver per Ferrari, Haas e lo stesso team svizzero è, dunque, ufficialmente titolare.

L’approdo di Antonio Giovinazzi nelle file del Team Alfa Romeo-Sauber F1 rinforza la liaison tra Ferrari e la scuderia con sede ad Hinwil, avviata ad inizio stagione con la fornitura di motori del Cavallino e con l’apposizione, sulla carrozzeria, dei monogrammi Alfa Romeo in campo rosso.

A “fare le spese” dell’arrivo di “Tonio” in Alfa Romeo-Sauber, sulle prime, si diceva che ci sarebbe stato Marcus Ericsson: lo svedese, che in cinque stagioni è stato dapprima in Caterham e, ora, in Sauber, resterà in ogni caso sotto i colori della scuderia svizzera, in qualità di terzo pilota.

Alfa Romeo Sauber C37 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti