EuroNcap: Ford Focus e Volvo XC40 promosse a pieni voti

La recentemente aggiornata Ford e il nuovo “compact SUV” svedese hanno riportato 5 stelle Ncap: da quest’anno, per la valutazione si tiene conto anche dell’Aeb con funzione di protezione ciclisti.

“Poche ma buone”: al contrario di quanto in genere viene presentato, periodicamente, agli utenti, nella seconda tornata 2018 dei crast test EuroNcap ha interessato soltanto due modelli. Entrambi, in ogni caso, sono usciti con il massimo dei voti dalle simulazioni di urto a cura dei tecnici del New Car Assessment Programme di Bruxelles.

In  questa occasione, sotto i riflettori di EuroNcap sono transitate – in ordine alfabetico, come sempre – Ford Focus e Volvo XC40 (la bestseller elettrica Nissan Leaf era passata sotto le “forche caudine” delle simulazioni di urto nelle scorse settimane, riportando 5 stelle Ncap): ovvero, un modello sostanzialmente aggiornato (Ford) ed uno tutto nuovo (Volvo).

Per tutte e due le novità di mercato sottoposte ai crash test Ncap, che come vedremo da quest’anno aggiungono ulteriori elementi-chiave per l’ottenimento delle “5 stelle Ncap”, il giudizio è stato il più elevato. Appunto: “5 stelle”. Un risultato tanto importante quanto si considera che le due novità di Ford e Volvo si presentavano in configurazione “di serie” (secondo gli standard EuroNcap), cioè con frenata d’emergenza Aeb per pedoni, per ciclisti, con funzionalità City ed extraurbano, limitatore di velocità e Lane Assist.

Per il 2018, un nuovo parametro di valutazione si aggiunge a quelli via via introdotti negli ultimi anni: si tratta, come accennato, della funzionalità di protezione ciclisti compresa nel modulo di frenata automatica d’emergenza Aeb-Autonomous Emergency Brake. Questo per un motivo squisitamente pratico: “Gli utenti vulnerabili della strada, ossia i pedoni, i ciclisti e i motociclisti, rappresentano quasi la metà delle vittime della strada in Europa e i casi di decesso di ciclisti sono in aumento in molti Paesi. Alcuni costruttori di veicoli offrono sistemi di frenata autonoma di emergenza in grado di portare la vettura ad un arresto sicuro prima che un ciclista venga colpito, o che siano almeno in grado di ridurre la velocità della collisione.  Includendo il nuovo test nella valutazione della sicurezza, Euro NCAP dimostra la propensione a costruttori che adottano tali sistemi e ne testa la bontà delle tecnologie”, indica EuroNcap in una nota introduttiva.

È altresì interessante notare come, alla luce degli standard Ncap e degli altri enti di omologazione presenti nel mondo, da tempo i big player del comparto automotive dimostrino via via maggiore attenzione nei confronti della sicurezza (per gli occupanti e gli altri utenti della strada). E, ai fini dei “punteggi” Ncap, questo trova conferma nel fatto che le valutazioni del New Car Assessment Programme prevedevano, già dall’anno scorso, una nuova prova di urto sull’AEB (Autonomous Emergency Braking) per valutare in quale misura ogni modello sia in grado di avvertire e ridurre del tutto (o evitare) in maniera autonoma l’impatto con i pedoni. Queste nuove valutazioni vanno ad aggiungersi al già esistente criterio di aggiudicazione delle “5 stelle Ncap”, dal 2012 appannaggio dei modelli che riportino, sulla relativa scheda di giudizio, una valutazione percentuale di sicurezza almeno dell’80% per gli occupanti adulti, del 75% per i bambini e del 60% per i pedoni e per i dispositivi attivi installati. E le stesse Case auto mostrano di adeguarsi, tanto da adottare misure sempre più complete riguardo alle dotazioni di sicurezza a bordo.

Di seguito i risultati dei crash test EuroNcap di luglio 2018.

Ford Focus. Elevata protezione per gli occupanti adulti (salvo criticità, peraltro minime, relativamente alla protezione del torace negli urti frontali e per il collo di conducente e passeggero anteriore in caso di tamponamento); altrettanto all’altezza delle aspettative la sicurezza per i bambini a bordo, per i quali il montaggio dei sistemi di ritenuta è semplice e agevole. E più che buona protezione per pedoni e ciclisti: ecco la “scheda tecnica” del crash test EuroNcap per Ford Focus. In termini percentuali, ciò si traduce in un 85% di sicurezza per conducente e passeggeri adulti, 87% di protezione per i “baby passeggeri”, 72% di protezione pedoni e 75% relativamente alla dotazione di sistemi di sicurezza di serie.

Volvo XC40. Simile nel giudizio complessivo così come all’esame delle singole “voci” di valutazione, è il risultato dei crash test EuroNcap per Volvo XC40, che dal canto suo – fedele alla eterna immagine Volvo che punta molto sul fattore sicurezza – viene dotata di Emergency Lane Keeping-Elk, ovvero un sistema di controllo del veicolo che in caso di emergenza rallenta in maniera autonoma la vettura e la fa fermare incorsia di emergenza o al bordo della strada. La protezione per gli occupanti adulti ha riportato un valore percentuale al 97%, quella per i bambini all’87%, quella per i pedoni al 71% e quella relativa ai sistemi di sicurezza al 76%.

Nuova Ford Focus 2018 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Ford Kuga 2.0 EcoBlue Hybrid: la prova su strada

Altri contenuti