F1 Gran Premio del Canada, qualifiche: Vettel e la pole tanto attesa

Mancava a Montreal dai tempi del grande Schumacher: Hamilton e Raikkonen deludono, le Red Bull non sono all’altezza, per la Rossa è il momento di approfittarne.

La Formula 1 è arrivata in Canada, a Montreal, dove il “muro dei campioni” sfida ogni anno i piloti più forti di tutti, quelli del Circus più folle, pazzesco e straordinario allo stesso tempo, dove ciò che conta è la sola sfida alla velocità e per tutti quanti ambire significa dominare.

La Q1 è iniziata col “botto”, quello vero, quello che fa un motore quando esplode al termine della sua corsa. Così Grosjean fermava in pit lane la sua monoposto, dopo aver inondato per bene di olio tutto l’asfalto percorso (fortunatamente poco). I big restavano ai box, attendendo che tutti gli altri gommassero a dovere la pista, Leclerc invece andava lungo con annessa escursione fuori pista. La Ferrari con Vettel si metteva davanti a tutti, mentre la pista si mostrava più lenta di un secondo rispetto alla mattina. Kimi si mostrava ancora una volta “in palla”, seguito da Verstappen e Hamilton, mentre Ricciardo continuava a pagare qualcosa al cospetto del compagno olandese, probabilmente perché il suo motore era stato messo “in stato di quiete” dopo i problemi avuti a Montecarlo. Tra grandi staccate e velocità di punta notevoli non ce la facevano a superare la sessione Gasly, Stroll, Sirotkin, Ericsson e Grosjean. Grande Q1 per Hartley (ottavo) e ancora una volta Leclerc (tredicesimo).

In Q2 la Ferrari scendeva subito in pista con le ultrasoft, stessa scelta per le Mercedes, primo Vettel, secondo Raikkonen…Hamilton spiattellava l’anteriore sinistra, ma il compagno di squadra si prendeva la pole position provvisoria. Le Red Bull si inseguivano nel gioco della scia, avanti Ricciardo e dietro Verstappen; l’olandese si metteva davanti a tutti, Ricciardo rimaneva distaccato con evidenti handicap al propulsore. Affascinante veder guidare Leclerc nel suo giro veloce, non andava oltre il 13° tempo ma la sua prestazione restava tiratissima e di gran lunga superiore rispetto alle sue aspettative. Alla fine della sessione Ricciardo e Verstappen volavano, per poco si qualificavano in Q3 le due Force India, mentre restavano fuori Magnussen, Hartley, Leclerc, Alonso e Vandoorne.

Via alla Q3! Gli uomini della Mercedes entravano subito in pista seguiti dalle Rosse, Hamilton si gettava dentro il suo primo tentativo portandosi dietro Bottas, che sbriciolava il tempo dell’inglese e che veniva seguito da Raikkonen, ma Vettel tirava e si metteva tutti dietro…wow!!!! Una prima “botta” tiratissima tra i quattro, ma alla festa mancavano le due Red Bull, che stavano vicine alla pole nei primi due settori ma perdevano incredibilmente nel terzo settore, pagando mezzo secondo dalla Rossa. Ultima chance per i piloti: Kimi sbagliava, usciva largo, ancora una volta nel momento decisivo falliva; Vettel spingeva e si migliorava, Hamilton non andava oltre il quarto tempo, pole position di Vettel, poi Bottas, Verstappen, Hamilton, Raikkonen, Ricciardo, Hulkenberg, Ocon, Sainz e Perez. Arrivederci alla gara, la battaglia è viva, nessuno vuole fallire un dominio che a questo punto della stagione potrebbe voler dire cambiare le sorti di un Mondiale.

F1 Gran Premio del Canada – Qualifiche Vedi tutte le immagini
Altri contenuti