WRC: Meeke non correrà più per Citroen nel 2018

Il pilota è stato messo da parte dalla Citroen a causa dei troppi incidenti e dei rischi definiti ingiustificati e non correrà nelle altre gare del 2018.

Finisce qui la carriera sportiva di Kris Meeke con la C3 WRC+, il pilota che è stato appiedato dalla Citroen a causa di uscite di strada troppo frequenti, alcune delle quali particolarmente violente che avrebbero potuto provocare pesanti conseguenze per la sicurezza dell’equipaggio.

Oltretutto, secondo il costruttore transalpino, a fronte di rischi ingiustificati. Per questo sia Kris Meeke che il suo navigatore Paul Nagle non correranno con la C3 WRC + fino alla fine del campionato WRC 2018 e con ogni probabilità in quelle successive.

Le dichiarazioni di Pierre Budar, il Team Principal del Double Chevron, sottolineano ulteriormente le motivazioni che hanno portato all’allontanamento di Meeke: “non è stato facile prendere questa decisione che ha un impatto su un pilota e su un copilota, ma è ampiamente motivata da imperativi di sicurezza che rientrano nelle mie preoccupazioni di Team Principal. Preferiamo dunque prendere questa decisione a scopo preventivo”.

Adesso c’è molta curiosità su pilota e navigatore che correranno al posto di Meeke e Nagle. Per il momento le coppie Craig Breen/Scott Martin e Mads Ostberg/Torstein Eriksen rimangono iscritte al rally di Sardegna e non è detto che già dalla tappa italiana del WRC ci saranno dei sostituti dei due esonerati.

Forse la Citroen vuole prendere tempo e riflettere bene su chi puntare, magari scegliendo un nome forte per la prossima stagione, oppure potrebbe pensare di rigettare nella mischia il mitico Loeb, che ha ben figurato nelle sue sporadiche apparizioni al mondiale e potrebbe andare a caccia del decimo titolo mondiale il prossimo anno.

Nuova Citroen C3 2020: immagini ufficiali inedite Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.