PSA punta sull’intelligenza artificiale: è tra i fondatori dell’Istituto Praire

Il colosso d’oltralpe è uno dei membri fondatori dell’istituto Prairie, luogo d’eccellenza per l’intelligenza artificiale.

Il Gruppo PSA è tra i membri fondatori dell’Istituto Praire, innovativa realtà che ha come obiettivo quello di diventare un punto di riferimento e un polo d’eccellenza dello studio e dello sviluppo dell’Intelligenza Artificiale (IA). PSA è il primo ed unico costruttore automobilistico che può annoverare la sua partecipazione in questo istituto, inoltre il Gruppo francese avrà un ruolo particolarmente attivo nelle iniziative dedicate allo sviluppo e all’applicazione dell’intelligenza artificiale nel campo dell’industria. Per PSA, l’Intelligenza Artificiale è il punto focale di una profonda trasformazione dell’industria automobilistica e della mobilità del futuro.

Tra i partner del colosso francese che troviamo in questa nuova sfida troviamo alcuni dei principali protagonisti mondiali del settore hi-tech, come ad esempio: Amazon, Criteo, Facebook, Faurecia, Google, Microsoft, Naver Labs, Nokia Bell Labas, Suez e Valeo, a cui si aggiungono anche realtà del calibro di CNRS, Inria e università PSL.

“Lavorare con il mondo scientifico per fare convergere gli interessi accademici e industriali fa parte dei geni di innovatore di Groupe PSA” ha dichiarato Carla Gohin, Direttrice della Ricerca e dell’Innovazione, che ha aggiunto: “Siamo fieri di essere il primo costruttore automobilistico ad entrare a far parte dell’istituto Prairie, il cui approccio integrato permetterà di far progredire le nostre conoscenze nell’Intelligenza Artificiale e di accelerare il campo delle possibili applicazioni automobilistiche”.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.