Fari di nuova generazione: in arrivo una nuova normativa?

I nuovi fari abbaglianti sempre più tecnologici e luminosi stanno provocando problemi e disagi, e sono causa di alcuni incidenti. Le Nazioni Unite osservano la situazione per un eventuale cambiamento delle normative.

Un gruppo di lavoro delle Nazioni Unite, sta attualmente esaminando il problema dell’abbagliamento dei fari in risposta alle crescenti preoccupazioni dell’opinione pubblica. Nel corso degli anni, i produttori hanno introdotto sistemi di proiettori più luminosi per migliorare la visibilità della strada, dalle lampadine bi-xeno alla tecnologia laser Matrix.

Sorge però un problema, i conducenti ora si lamentano che alcuni proiettori sono troppo potenti e finiscono per abbagliarli sulla strada, creando pericoli e disagi. Recenti statistiche affermano che molti conducenti di auto hanno sfiorato un incidente dopo essere stati abbagliati dai fari delle auto moderne che ritengono essere troppo luminosi. Del 65 percento dei conducenti che hanno dichiarato di essere abbagliati regolarmente dalle luci delle auto in arrivo, la maggioranza ha dichiarato che sono necessari fino a cinque secondi, prima che possano vedere di nuovo in modo normale. Se viaggi a 100 km/h, questo può significare che non sarebbero in grado di vedere correttamente durante il viaggio per ben 134 metri.

Tutte le auto vendute per uso stradale in Europa devono essere equipaggiate con proiettori conformi alle norme dell’Unione europea, che sono in linea con il Forum mondiale delle Nazioni Unite per l’armonizzazione dei regolamenti sui veicoli. Il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull’illuminazione e la luce sta attualmente esaminando il problema dell’abbagliamento dei fari. Il portavoce della sicurezza stradale RAC Pete Williams ha dichiarato: “L’intensità e la luminosità di alcuni nuovi fari delle automobili stanno chiaramente causando difficoltà agli altri utenti della strada. La tecnologia dei fari è notevolmente migliorata negli ultimi anni, ma mentre potrebbe essere migliore per i conducenti di quei particolari veicoli, sta presentando un nuovo, indesiderato, nuovo rischio per la sicurezza stradale per chiunque si avvicini a loro o addirittura provi ad uscire a un incrocio”. E’ possibile che nei prossimi mesi avvenga qualche modifica normativa su questo argomento, che comincia a provocare molti disagi agli automobilisti di tutto il mondo.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.