Porsche: maxi bonus da 10mila euro per i dipendenti

I dipendenti del colosso tedesco beneficiano di bonus di condivisione degli utili, contributi previdenziali speciali e un ulteriore premio per i 70 anni dell’azienda.

Il Gruppo Volkswagen continua ad andare a gonfie vele e questo successo viene ulteriormente sottolineato dai nuovi bonus economici che sono stati elargiti ai dipendenti della Porsche. La somma elargita dal costruttore teutonico sfiora i 10mila euro e comprende gli incentivi relativi alla condivisione degli utili 2017, ulteriori contributi previdenziali e un bonus straordinario per i 70 anni dell’azienda.

Entrando nello specifico scopriamo che dei 9.300 euro lordi di bonus, 700 euro sono stati riconosciuti come contributo speciale dedicato al fondo pensionistico dell’azienda denominato “Porsche VarioRente” oppure ad altri fondi previdenziali individuali, mentre 8.600 euro sono da attribuire al riconoscimento per gli ottimi risultati commerciali ottenuti nel 2017. A queste somme va aggiunto un premio una tantum di 365 euro lordi per i 70 anni di attività della Casa tedesca.

Lo scorso anno, Porsche ha registrato un incremento delle vendite del 4%, toccando quota 246mila unità distribuite, i ricavi sono aumentati del 5% a 23,5 miliardi, mentre l’utile operativo è salito del 7% a 4,1 miliardi, con un margine del 17,6%.

Nonostante lo scandalo dieselgate che nel recente passato ha coinvolto tutto il Gruppo Volkswagen, Porsche consolida l’operazione che vede ogni anno elargire premi in denaro ai suoi dipendenti: nel 2017 i lavoratori della Casa di Zuffenhausen avevano ricevuto con 9.111 euro, mentre l’anno prima erano stati premiati con 8.911 euro.

Porsche 911 GT3 RS: le immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.