FCA Heritage protagonista alla Techno Classica 2018 di Essen

La divisione che si occupa del patrimonio storico dei brand italiani del Gruppo FCA spicca alla kermesse tedesca con alcuni dei suoi modelli d’epoca di maggior pregio ed esclusività.

Ha preso il via nella città tedesca di Essen la celebre kermesse dedicata alle auto d’epoca “Techno Classica 2018″ che ospita in un’area espositiva di oltre su 120.000 metri quadri oltre 1.250 espositori provenienti da trenta differenti nazioni. Tra le protagoniste indiscusse di questa manifestazione troviamo FCA Heritage, la divisione che si occupa del patrimonio storico dei brand italiani del colosso Fiat-Chrysler. Il pubblico presente alla kermesse avrà la fortuna di ammirare alcuni dei modelli storici di maggior pregio dei brand Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth, tutti caratterizzati da un corpo vettura da coupé e prodotti in piccola serie.

Le vetture d’epoca saranno accompagnate da due degli attuali modelli di maggior prestigio della Casa del Biscione, ovvero le Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e Stelvio Quadrifoglio, entrambe equipaggiate con un potentissimo V6 2.9 litri biturbo da 510 CV in grado di offrire prestazioni da supercar. Non è infatti un caso che la Stelvio Quadrifoglio è riuscita a conquistare il record sul giro sul circuito del Nürburgring nel segmento dei SUV (7 minuti, 51 secondi e 7 decimi).

Alfa Romeo Giulia Sprint Speciale (1963)

Evoluzione dell’omonima versione della Giulietta, la Giulia Sprint Speciale vanta un sinuoso corpo vettura disegnato da Franco Scaglione per la carrozzeria Bertone. La Giulia Sprint Speciale si presenta come una vettura carica di fascino e sportività grazie ad una carrozzeria lunga e larga che mette in luce un  coupé basso e aggressivo che si distingue per le linee tonde e sinuose, “incattivite” dalla grande mascherina anteriore a bocca di squalo. La vettura vanta l’uso di un motore bialbero da 1.600 cc in grado di sviluppare 13 CV e di spingere la Giulia SS fino ad una velocità massima di 191 km/h.

Alfa Romeo SZ (1989)

La storia della Casa del Biscione è legata da sempre a quella della carrozzeria milanese Zagato, grazie ad una serie di creazioni capaci di scrivere un importante pezzo della storia automobilistica mondiale. Tra i numerosi modelli nati dalla collaborazione di queste due eccellenze italiane troviamo ad Essen la mai dimenticata Alfa Romeo ES30 SZ (Sprint Zagato), originale coupé presentata sotto i riflettori del Salone di Ginevra nel 1989. Prodotta in appena 1.000 esemplari, l’Alfa Romeo SZ si distingue per la sua eccezionale aerodinamica e per la sua straordinaria guidabilità su strada.

Fiat 8V (1954)

La coupé Fiat 8V fu l’unica vettura della Casa del Lingotto a vantare un propulsore a 8 cilindri. Al Salone di Torino del 1954, Fiat presentò  na seconda serie  della vettura caratterizzata da una carrozzeria in vetroresina pesante appena 48,5 kg e da un propulsore potenziato fino a 125 CV. Della sportiva stradale con motore V8 di Casa Fiat ne furono prodotti appena 114 esemplari.

Lancia Fulvia Coupé Montecarlo (1973)

Con un design ispirato agli iconici motoscafi Riva, la Lancia Fulvia Coupé del 1973 fu uno dei modelli della Casa di Chivasso più rappresentativi di quell’epoca. Realizzata in ben 14mila esemplari, la Fulvia Coupé ha gettato le basi della gloriosa storia del costruttore italiano nel settore dei rally con vetture del calibro Stratos, 037 e Delta.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.