WRC 2018: Ogier vince in Messico

Il pilota francese bissa il successo di Monte Carlo e torna al vertice della graduatoria iridata ma il vero protagonista della gara è stato Loeb.

È una vittoria un po’ fortuita quella di Ogier che, per una volta, ha potuto beneficiare anche della buona sorte, dato che i due rivali diretti per la gara messicana, Sordo e Loeb, sono incappati in due forature che li hanno rallentati in maniera importante.

Sordo ha corso con impegno e determinazione facendo la differenza nel primo giorno di gara dove ha conquistato la vetta della classifica generale. Mentre Loeb ha subito ritrovato lo smalto di un tempo dimostrando che potrebbe benissimo disputare un mondiale intero per ambire a quel decimo titolo che andrebbe a coronare una carriera già straordinaria.

Purtroppo però entrambi sono stati vittime di una foratura, con esiti diversi, visto che Loeb si è fermato per sostituire la gomma perdendo più secondi di Sordo, ma comunque sia il pilota della Hyundai che quello Citroen hanno perso la possibilità di vincere la corsa. A questo punto Ogier è salito in cattedra ed ha blindato il successo.

Dietro di lui è riuscito ad arrivare Sordo, che a sua volta ha preceduto Meeke, l’ex vincitore dello scorso anno, al volante della Citroen. Meno avvincente rispetto ad altre occasioni la gara di Mikkelsen, finito in quarta posizione, mentre il primo avversario di Ogier, Neuville, si è dovuto accontentare della sesta posizione dopo aver patito problemi tecnici.

Alla fine dell’appuntamento messicano troviamo Ogier in vetta alla classifica piloti, mentre tra i costruttori è la Hyundai a comandare i giochi, ma ribadiamo che il vero protagonista della gara è stato Loeb, davvero veloce come nei tempi migliori al punto che potrebbe convincere i vertici Citroen a tornare a puntare su di lui per la prossima stagione.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.