F1: nel 2011 tornano gli ordini di scuderia

Dalla prossima stagione, il “muretto” potrà dare ai piloti gli ordini di scuderia senza incorrere in sanzioni.

Dalla prossima stagione, il “muretto” potrà dare ai piloti gli ordini di scuderia senza incorrere in sanzioni.

A partire dalla stagione 2011, le scuderie che partecipano al campionato di Formula 1 potranno liberamente dare i cosiddetti “ordini di squadra“, favorendo così un pilota a scapito della cosiddetta “seconda guida”. E’ stata infatti cancellato l’articolo 19.1 del regolamento Fia, articolo di cui si era iniziato a discutere soprattutto durante lo scorso GP di Germania, quando la Ferrari fu multata di 100.000 dollari per aver comunicato al pilota Massa di lasciar passare il compagno di squadra Alonso, che con una vittoria avrebbe avuto più speranza di vincere il titolo mondiale.

In sostanza, ora sarà possibile attuare tranquillamente queste strategie, come del resto si è sempre fatto anche se non in via ufficiale. Il Consiglio mondiale della FIA tiene comunque presente l’articolo numero 151c del Codice sportivo, che prevede sanzioni per condotte non sportive o che possano recare discredito allo sport.

E’ poi stata approvata l’introduzione di una nuova specifica di motore che sarà applicata a partire dal 2013, ed è finalizzata a migliorare la sostenibilità ambientale della massima serie.

I nuovi propulsori saranno dei 1.600 cc a 4 cilindri con pressione fino a 500 bar e un regime rotativo massimo di 12.000 giri. Questo porterà a una notevole riduzione dei consumi (circa il 35%).

Formula 1: mondiale 2010 da record Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.