F1: continuano i test in vista della stagione 2018

Per il momento la Ferrari è apparsa competitiva, la Mercedes è sempre nella parte alta della classifica come la Red Bull mentre la McLaren è tornata ad occupare le posizioni che contano.

Mentre continuano i test d i F1 a Barcellona, in attesa dell’esito della quarta giornata, andiamo a vedere cosa è successo nei giorni precedenti. Nel primo test del 2018 è stato Ricciardo a spuntarla nella classifica dei tempi, con un 1’20”179 con gomme medium e percorrendo ben 480 km, l’equivalente di 103 giri, ben oltre un gran premio. Dietro di lui troviamo Bottas, Raikkonen, Hulkenberg e Alonso.

Nel secondo giorno è stato Vettel a dare la zampata vincente, confermando che la “rossa” del 2018 sembra essere nata competitiva: il tedesco ha chiuso il suo miglior giro in 1’19”673 con gomme soft. Si conferma Bottas al secondo posto nella classifica dei tempi, davanti a Vandoorne, con una McLaren rivitalizzata dalla power unit Renault, ed a Verstappen.

Il terzo giorno è solamente una passerella per Fernando Alonso, quest’anno super impegnato tra F1 e WEC e che, impavido, si è lanciato su una pista decisamente poco praticabile a causa della neve caduta e poi di una pioggia che ha reso viscido il tracciato. L’asturiano è stato uno dei pochissimi (cinque) a scendere in pista ed ha compiuto 11 giri siglando il miglior tempo di una giornata difficilmente ripetibile per l’eccezionalità delle condizioni meteo.

Oggi la situazione sarà senz’altro migliore e quindi si potrà riprendere il lavoro. La Ferrari affiderà la monoposto a Vettel, la Red Bull sarà condotta da Verstappen, mentre le Mercedes saranno entrambe i pista. Così come le Renault e le Williams. Per la McLaren invece sarà il turno di Vandoorne, mentre l’Alfa Romeo Sauber scenderà in pista con Leclerc.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.