Mercedes e Bmw: volano le vendite, a Natale si lavora

La forte richiesta di auto di segmento premium ha costretto Mercedes e Bmw a ridurre la chiusura degli impianti durante le feste natalizie

La forte richiesta di auto di segmento premium ha costretto Mercedes e Bmw a ridurre la chiusura degli impianti durante le feste natalizie

La ripresa economica in atto corre parallela alla rinascita del segmenti superiori, che ricominciano a vendere bene, dopo oltre un anno di difficoltà. Per questo motivo, due Case leader come Mercedes e Bmw sono state costrette ad una scelta che di questi tempi i dipendenti non potranno che apprezzare: per produrre di più e far fronte all’elevata richiesta, durante il periodo natalizio verrà accorciata o addirittura eliminata la chiusura degli stabilimenti.

Le differenze rispetto al 2009 sono notevoli: se allora lo stop fu di 3 settimane, quest’anno per brindare al Natale e all’anno nuovo i dipendenti avranno la possibilità di farlo solo per una o due settimane, visto che le fabbriche chiuderanno per questo lasso di tempo. Nei siti di produzione Bmw di Dingolfing e di Lipsia e in quella di Mercedes ad Amburgo, l’attività di assemblaggio continuerà senza sosta, probabilmente su più turni.

Se il sorriso torna sui volti del management dei due costruttori premium, le Case automobilistiche “generaliste” sono ancora preoccupate e dovranno attendere – pare – ancora uno o due anni prima di brindare e tornare all’utile.

Fra queste c’è Opel, che ha comunicato che chiuderà il 2010 con perdite vicine a 1,4 miliardi di euro.

Altri contenuti