WRC Montecarlo: Citroen pronta a suonare la carica

Riparte la stagione del WRC, cominciando dal 86esimo Rally di Montecarlo. Citroen mostra le sue ambizioni e punta alla vittoria grazie a Meeke e Breen.

Siamo giunti alla partenza del WRC 2018 e come sempre il primo appuntamento è uno dei più affascinanti e storici del calendario. Pagine epiche di questo sport sono state scritte sul Col de Turini e sulle montagne che lambiscono il territorio del Principato di Monaco. Citroen è pronta a scendere su queste epiche strade con la rinnovata C3 WRC affidata alle sapienti mani di Craig Breen e Kris Meeke. Soprattutto quest’ultimo è il designato a portare alla casa francese i successi sperati, a cominciare dal prestigioso 86esimo Rally di Montecarlo, nel quale Meeke ha sempre ben figurato. Lo scorso anno ha affinato le conoscenze con il mezzo, riuscendo a vincere anche due Rally, quest’anno è pronto ad alzare l’asticella. La strada per arrivare al podio del Palazzo dei Principi domenica prossima è però ricca di insidie e difficoltà. Kris Meeke, per ottenere il massimo dall’auto, ha effettuato tre giorni di test intensivi suddivisi in due sessioni. Nella prima, che si è tenuta prima di Natale, il team ha lavorato sull’asfalto, da umido a fortemente bagnato; nella seconda sessione, completata questa settimana nei dintorni di Gap, la C3 WRC è stata testata in condizioni molto simili a quelle che si troveranno in gara.

Il percorso di questo Montecarlo è stato così strutturato: quattro tappe tra le strade d’Isère, Drôme, Alte Alpi, Alpi dell’Alta Provenza e Alpi Marittime. La gara comincerà il giovedì sera con la PS Thoard-Sisteron: sempre molto impegnativa nei pressi del Col de Fontbelle, questa leggendaria speciale si correrà nella direzione opposta rispetto al solito e al buio. Il rally si chiuderà con l’altrettanto famosa Col de Turini. La difficoltà del rally di Montecarlo è proprio nei cambiamenti che si trovano da versante a versante delle montagne. Le condizioni stradali cambiano velocemente e la scelta degli pneumatici diventa quindi fondamentale.

Meeke ha rilasciato queste dichiarazioni in vista della corsa: “Quello di Montecarlo è probabilmente uno dei rally più difficili della stagione, perché il grip cambia continuamente. Però mi è sempre piaciuto e ho ottenuto dei buoni risultati: ho vinto nello Junior WRC del 2005, sono salito sul podio (terzo) al mio ritorno full time in Citroën nel 2014, mi sono battuto per la vittoria nel 2016… Penso di poter fare bene, anche perché abbiamo condotto i test su strade molto simili a quelle che affronteremo, con un ventaglio molto ampio di possibili condizioni atmosferiche. Le prove ci hanno anche permesso di migliorare l’adattabilità della C3 WRC ai cambiamenti del fondo, in particolare tornando sul Col de Faye, dove abbiamo avuto più problemi lo scorso anno”.

Altri contenuti