Dakar 2018: Sainz vince la sesta tappa

Nella sesta tappa è il turno di Carlos Sainz di tornare alla vittoria. Il Team Peugeot Total domina, Peterhansel saldamente al comando della classifica generale.

La sesta tappa ha portato la carovana della Dakar 2018 da Arequipa a La Paz per un totale di 758 chilometri, di cui 313 di speciale. Il percorso è stato suddiviso in 2 speciali. La prima, di 200 km di terreno sabbioso, disputata sul suolo peruviano. Prima di attraversare la frontiera con la Bolivia, i concorrenti sono passati su un podio per salutare il pubblico peruviano. La seconda speciale, ha preso il via dalle rive del lago Titicaca a 3.800 m di altitudine, per arrivare sull’Altipiano boliviano ad altitudini che raggiungono i 4.732 metri. L’eroe di giornata è stato Carlos Sainz, il vecchio leone che ha vinto la tappa con grande mestiere grazie anche al suo copilota Lucas Cruz. Si tratta del primo successo dello spagnolo durante la Dakar 2018.

Con il successo di Sainz ognuno degli equipaggi del Team Total Peugeot è stato protagonista di una vittoria in questa edizione. Stavolta è toccato ai più maturi e riflessivi, con un Sainz che ha guidato con astuzia e coraggio durante un percorso irto di insidie. Al secondo posto si è confermato ancora una volta Stephane Peterhansel, che al traguardo di La Paz ha messo al sicuro il primo posto nella classifica generale. Gli uomini di Peugeot hanno regalato uno spettacolo di pura velocità e azione durante questa sesta giornata. Gli avversari del Team francese sono annichiliti e sembrano non poter contrastare uno strapotere già visto nelle ultime edizioni di questo celebre rally-raid. Da sottolineare la crescita di Khalid Al Qassimi, il privato di Abu Dhabi che, nonostante una tappa difficile, conserva l’ottimo ottavo posto della generale.

Dopo questa tappa la Dakar osserva un giorno di riposo, una manna per tutti quanti. La classifica generale vede saldamente al comando Stephane Peterhansel, con mezz’ora di vantaggio su Carlos Sainz. Dopo questa unica giornata di stop si ripartirà da La Paz per Uyuni, e via attraverso Bolivia e Argentina.

Altri contenuti