Motor Show 2017: tutte le novità presenti a Bologna

Novità di mercato e anteprime nazionali, ma soprattutto hi-tech, aftermarket e iniziative dedicate agli appassionati di motorsport e di auto storiche. Ecco una carrellata degli appuntamenti a BolognaFiere.

Giunto all’edizione numero 40, il Motor Show di Bologna si prepara ad aprire i battenti con un obiettivo ambizioso: offrire sempre più spettacolo al pubblico, e garantire ai big player del comparto automotive (Case costruttrici, aziende dell’indotto, produzione accessori e componenti aftermarket) una vetrina di primo piano. Come ogni anno, noi di Motori.it seguiremo l’evento da Bologna con articoli, immagini dagli stand e dirette Facebook: per non perdervi nulla, ma proprio nulla, sulle auto e sulle moto presenti visitate la nostra pagina dedicata al Motor Show 2017 e la nostra pagina Facebook.

Il Motor Show di Bologna negli anni si è evoluto, da evento “adrenalinico puro” a grande contenitore di tutto ciò che rappresenta la passione verso i motori, a due e quattro ruote. Novità di mercato comprese: una presenza sempre più “trasversale” per l’evento, che oltre ai tradizionali appuntamenti fatti di spettacolo, esibizioni e motorsport propone un nutrito parterre di ultimi arrivi di mercato.

Nel dettaglio, gli stand delle Case costruttrici al Motor Show 2017 sono 24: si tratta, oltre ad FCA-Fiat Chrysler Automobiles che “gioca in casa”, di Bentley, Cadillac, Chevrolet, Corvette, PSA Groupe (Citroen, DS e Peugeot), Honda, Hyundai, Kia, McLaren, l’azienda brianzola Militem (factory specializzata nella customizzazione di modelli della produzione Jeep, Dodge e Ram, nonché in interventi di RestoMod, ovvero restauro e personalizzazione delle V8 d’epoca a stelle e strisce in chiave Muscle Car), McLaren, Suzuki, Tesla, Volvo; a queste ne vanno aggiunte tre – Mitsubishi, SsangYong e Toyota – che saranno presenti, in maniera “dinamica”, presso l’Area Test Drive 4×4; e Ford, sotto le cui insegne si terranno i meeting decicati agli appassionati e possessori di modelli della gamma Mustang e di Focus RS.

A rappresentare la “Motor Valley”, il territorio emiliano-romagnolo al centro della passione per la meccanica (oggi anche della meccatronica) e della più pura tradizione tutta italiana verso lo sviluppo di vetture ad alte prestazioni, GT, coupé, supercar e hypercar fra le più apprezzate nel mondo, non possono mancare tre delle aziende di primo piano: Ferrari, Lamborghini e Maserati.

Ampia anche la carrellata delle Case motociclistiche attese al Motor Show 2017: da Bmw ad Harley-Davidson, da Honda a Suzuki, Quadro e Red Moto. Complessivamente, l’edizione 2017 del Motor Show prevede circa 370 spazi espositivi: una cifra quasi doppia in rapporto ai 200 del 2016. Da segnalare, fra le novità in lizza a BolognaFiere, l’esposizione delle sette finaliste al premio “Auto dell’Anno 2018” (la proclamazione avverrà in occasione del salone di Ginevra, in programma dall’8 al 18 marzo): Alfa Romeo Stelvio, Citroen C3 Aircross, Audi A8, BMW Serie 5, Kia Stinger, Seat Ibiza e Volvo XC40. Anche questo è un chiaro indice di come il Motor Show abbini l’attenzione alle novità di mercato con il classico cartellone di eventi spettacolo.

Come già avvenuto l’anno scorso, anche per l’edizione 2017 del Motor Show gli organizzatori dimostrano una concreta apertura verso le nuove generazioni e l’hi-tech engineering applicato al comparto automotive. La mobilità del futuro, in un’ottica sostenibile e tecnologicamente via via sofisticata, sono al centro dell’”Open Innovation Hub”.

Il progetto si riassume nell’allestimento di un’area interamente dedicata alla didattica: università e start-up espongono, al Padiglione 16, i rispettivi progetti, a disposizione dei visitatori e delle aziende, che potranno conoscere in prima persona lo stato dell’arte nell’innovazione applicata ai mezzi di trasporto e i nuovi talenti. L’Open Innovation Hub si avvale del sostegno di Octo Telematics, provider di servizi telematici e data analysis per il mercato assicurativo.

Idealmente a fianco delle novità per il futuro del comparto automotive, c’è la tradizione: in effetti, la “Motor Valley” rappresenta un territorio nel quale la presenza della filiera motoristica è talmente radicata da averne fatto, nel tempo, un’eccellenza a livello internazionale). Per gli appassionati di auto storiche, ecco “Passione Classica Racing”: un itinerario espositivo che vede la collaborazione di alcuni dei principali musei di settore (su tutti: Musei Ferrari, il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino, ACI Storico, ASI-Automotoclub Storico Italiano) e delle più ricche collezioni ufficiali e private. Del progetto fanno parte “Passione Classica Mercato”, un’area-mercato dove poter ammirare, e magari acquistare, auto, moto, ricambi d’epoca, memorabilia e oggetti da collezione. Dal punto di vista… dinamico, le auto storiche saranno protagoniste, presso l’Area 48-Motul Arena, con le sfide fra monoposto di F1 d’epoca, con le Alfa Romeo storiche del “Trofeo GTA Scuderia del Portello”, e con le auto storiche dell’Historic Challenge Scuderia Bologna Corse.

Non si può, dunque, parlare di Motor Show senza tenere conto del motorsport: il fulcro della manifestazione, fedelmente alla natura dinamica delle competizioni, ogni anno si aggiorna, propone nuove iniziative e appuntamenti per i fanatici delle emozioni… in pista e fuori. Fra le attrazioni che attendono i visitatori al BolognaFiere, c’è “The World of Motorsport”: il nome dice tutto. È un condensato di ciò che, per gli addetti ai lavori, rappresenta l’expertise sui campi di gara, un “Bignami dello sport a 2 e 4 ruote” nel quale il pubblico potrà ammirare una rappresentanza di auto e moto normalmente protagoniste della stagione sportiva. Monoposto di F1, vetture da rally, GT e MotoGP si ritroveranno, per una volta, tutte insieme nello stesso padiglione (il 26), che viene allestito come un paddock e permetterà al pubblico di osservare l’atmosfera dei box e dei parchi assistenza. Del resto, il padiglione 26 è situato nelle vicinanza della Area 48-Motul Arena, il “tempio” agonistico del Motor Show.

Le auto d’epoca al Motor Show 2016 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Renault Clio Cup: gara sul bagnato per Motori.it

Altri contenuti