F1 Gran Premio di Abu Dhabi, qualifiche: lo show è stellato!

Mercedes troppo forte per una Rossa che su questo circuito soffre sempre tanto. Meglio Vettel di Raikkonen, in Red Bull va forte Ricciardo.

Ultimo appuntamento stagionale per la Formula 1, che fa tappa ad Abu Dhabi dopo aver chiuso già da qualche settimana la lotta per il Campionato piloti e costruttori 2017. Si accendono le ultime sfide nelle retrovie, ma la Ferrari vuole lasciare l’ultima firma dell’anno nel Palmares mondiale, mentre Lewis Hamilton non vuole lasciare nulla ai suoi avversari, neppure le briciole.

La Q1 vede una Toro Rosso deludente, proprio nel weekend in cui la Scuderia di Faenza è in lotta con la Renault per una posizione migliore nella classifica costruttori. Gasly e Hartley sono addirittura dietro le due Sauber; avanti comandano al momento le due Mercedes, con Bottas e Hamilton, poi le Ferrari con Raikkonen e Vettel. A seguire le due Red Bull e Perez, che precede un buon Vandoorne, che alle spalle si protegge dalle due Renault. Ancora Hartley prova a cambiare la sorte della Toro Rosso, lo incitano dai box, ma non si migliora abbastanza per passare la soglia di questa Q1, così come il compagno di squadra Gasly. Bene l’ottavo posto di Massa, che dà più di un secondo a Stroll, che a sua volta all’ultimo secondo riesce a strappare una quindicesima posizione, seppur distaccatissimo dal compagno di squadra brasiliano. Vanno fuori Grosjean, Gasly, Wehrlein, Ericsson e Hartley.

Parte la Q2! Come sempre entrano in pista per prime le due Mercedes con pneumatici ultrasoft, Hamilton si lamenta con il suo ingegnere di pista perché ha del fumo dei gas di scarico nel suo casco (causati dall’accensione del motore nei box), Bottas invece sta per finire un giro molto veloce ma soprattutto pulito nella guida. Questa la classifica al momento: Hamilton è primo e dà due decimi al compagno Bottas, Vettel è terzo a tre decimi, poi Raikkonen a sette decimi, seguito da Ricciardo, Hulkenberg, Verstappen, Perez, Ocon e Alonso. Curiosa l’attenzione di Sainz sulla telemetria, che cerca di capire dove il suo compagno di squadra ha trovato un gran bel giro, ma soprattutto dove gli ha rifilato più di un secondo. Mancano gli ultimi due minuti, lì davanti non cambia assolutamente nulla, è lotta tra Alonso e Vandoorne, ma le due McLaren sono comunque fuori, mentre è da applausi Massa, unico pilota che in questa sessione si è migliorato! Vanno fuori Alonso, Sainz, Vandoorne, Magnussen e Stroll.

Inizia la Q3: ci siamo, è partita la sessione che assegnerà l’ultima pole position della stagione! Calato il tramonto sono salite le tenebre, ormai è buio e si può godere a pieno dello spettacolo offerto dall’impianto di illuminazione del circuito. Primo settore fotocopia tra Raikkonen e Bottas, stanno tirando tutti, a partire da Hamilton, ma è Bottas che fa un tempone, è quello della pole provvisoria. Il finlandese dà quasi due decimi al compagno inglese, sei decimi a Vettel (terzo) e quasi otto decimi a Raikkonen (quarto). Seguono Verstappen, Ricciardo, Hulkenberg, Ocon, Perez, Massa. A tre minuti dalla fine tornano tutti all’azione: curioso siparietto tra Ocon e Bottas, con il primo che si fa passare e poi si accoda al finlandese per godere di tutta la scia possibile. La lotta è tra i due Mercedes, ma Hamilton perde tempo con un traversone sull’ultima curva, la pole va così a Bottas, seguito dal compagno di squadra, poi Vettel, Ricciardo (che ha messo su un super giro), Raikkonen, Verstappen, Hulkenberg, Perez, Ocon, Massa.

Altri contenuti su Motor Show Bologna