Toyota perde causa milionaria su sistema ibrido

Uno sconosciuto ingegnere russo ha vinto la causa con Toyota e con Ford sul possesso del brevetto di un importante organo del sistema ibrido

Uno sconosciuto ingegnere russo ha vinto la causa con Toyota e con Ford sul possesso del brevetto di un importante organo del sistema ibrido

Alex Severinsky è un ingegnere russo, residente negli USA, che nel 1994 registrò il brevetto di Hyperdrive. Hyperdrive è un dispositivo meccatronico che permette una transizione senza soluzione di coninuità dalla trazione elettrica alla trazione termica nei sistemi di propulsione ibrida.

In un sistema ibrido in parallelo, come ad esempio quello della Toyota Prius, viene richiesta spesso l’accensione in moto del motore a combusitone interna a velocità sostenuta oppure l’intervento del motore elettrico per garantire maggior potenza in accelerazione. Far interagire i due motori nel modo migliore non è cosa banale, e richiede un rotismo epiciloidale ed una centralina elettronica particolarmente vigile e ben programmata.

Toyota sviluppò un dispositivo simile senza sapere delle ricerche del dottor Severinsky e così pure altri costruttori di vetture ibride, ad esempio Ford (che non importa modelli ibridi in Europa). Ma Paice – una società nata con l’unico scopo di far valere i diritti del brevetto di Severinsky, – dopo anni di lotte giudiziarie ha vinto la causa con Toyota.

L’ex primo costruttore mondiale, che ha fatto della tecnologia Hybrud Sinergy Drive il proprio portabandiera, dovrà pagare al signor Severinsky 98$ per ogni vettura ibrida venduta. Piccolo patricolare, Toyota ne ha già prodotte oltre 2 milioni a livello mondiale. 

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.