Audi R8 Spyder: tuning by ABT

ABT trasforma la seconda generazione dell’ Audi R8 Spyder in un bolide dalla forte presenza scenica ed in grado di sprigionare fino a 630 CV.

ABT, celebre preparatore specializzato nell’elaborazione di vetture del Gruppo Volskwagen, ha modificato la già potentissima e fascinosa seconda generazione dell’Audi R8 Spyder, trasformandola in una vera e propria auto da corsa.

L’estetica della vettura è stata personalizzata con un completo kit aerodinamico che prevede l’introduzione di nuovi paraurti che inglobano nella zona anteriore prese d’aria di grandi dimensioni e uno splitter in fibra di carbonio, mentre il fascione posteriore sfoggia un nuovo estrattore d’aria e due feritoie a nido d’ape che lo lambiscono nella zona superiore. Anche la vista laterale è stata modificata con l’uso di minigonne, prese d’arie e speciali cerchi in lega di colore nero che misurano 20 pollici.

Il propulsore V10 aspirato da 5.2 litri, posizionato centralmente sbiuto dietro i sedili, grazie ad una nuova gestione dell’elettronica è stato potenziato di ben 70 CV, arrivando così a quota 610 CV e 560 Nm di coppia massima. Se però si sceglie di equipaggiare la vettura con un nuovo scarico sportivo, la potenza arriva addirittura a 630 CV. Per tenere a bada tanta potenza, ABT ha optato per un nuovo impianto di sospensioni coadiuvato da una barra stabilizzatrice.

Audi R8 Spyder by ABT: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Audi R8 Green Hell

Altri contenuti