WRC Germania: Citroen raggiunge gli obiettivi

Mikkelsen ottiene il secondo posto al WRC di Germania con la sua Citroen C3 WRC. Breen conclude al quinto posto un weekend non facile.

L’ADAC Rally di Germania è iniziato il giovedì sera con una prova speciale  tenutasi nelle strade di Sarrebruck. Su un percorso reso stretto e difficoltoso per World Rally Car, Kris Meeke è stato la vittima illustre della serata. Il nord irlandese è stato costretto a fermarsi dopo aver colpito un muro di cemento rompendo lo sterzo. E’ stato in grado di rientrare il giorno successivo in base alle norme Rally 2, ma con una penalità di dieci minuti.

Il venerdì di gara

Il venerdì di gara si è svolto principalmente su strade ripide e tortuose tra i vigneti della Mosella. Andreas Mikkelsen si è unito fin da subito alla lotta per la vittoria. Il norvegese della Citroen ha ottenuto una vittoria di tappa durante la SS4, arrivando fino alla testa della classifica generale. Un risultato fino a quel momento inaspettato. Le piogge sparse del mattino si erano trasformati in temporali. Andreas Mikkelsen era in grado di tenere a bada Otto Tanak, che si era portato al comando generale dopo SS7. Entro la fine della giornata, c’erano solo 5,7 secondi di distacco tra i due.

In un rally con il quale si trova poco a suo agio, Craig Breen fatto diversi piccoli errori durante il giorno. Dietro Neuville, Ogier, Evans e Hanninen, l’irlandese è arrivato settimo dopo la prima giornata di corsa.

La sfida del sabato

Gli equipaggi hanno affrontato la gara partendo dalle prove effettuate nella base militare Baumholder. Al primo giro sul famoso Panzerplatte, Mikkelsen ha perso terreno nei confronti di Tanak a causa di una scelta di gomme troppo conservativa. Andreas poi fatto un paio di piccoli errori, consentendo a Sébastien Ogier il ridurre il divario. Il pilota della C3 WRC ha poi spinto al massimo al secondo passaggio sulla Panzerplatte, realizzando il secondo miglior tempo per mantenere la pressione su Tanak e per trovare un po’ di respiro su Ogier.

Craig Breen ha goduto di un giorno migliore di quanto non fosse stato quello prima, in particolar modo al secondo passaggio con una scelta di gomme più coerente. A causa di una serie di incidenti di corsa, ha raggiunto il sesto posto, a meno di venti secondi dietro Evans e Hanninen.

La conclusione

Quattro speciali la domenica hanno consegnato il rally di Germania nelle mani di Otto Tanak, ma alla fine Andreas Mikkelsen è riuscito a consolidare il suo secondo posto ottenuto con la Citroen C3 WRC. Craig Breen invece è riuscito a migliorarsi riuscendo ad agguantare la quinta posizione definitiva.

Domande per Yves Matton, CITROËN RACING TEAM PRINCIPAL

Hai raggiunto gli obiettivi fissati in Germania?

“Prima dell’inizio del rally, avevo chiesto ai piloti di spingere ad un livello che permetta loro di essere coinvolti nella lotta per la vittoria. Una certa quantità di assunzione di rischio si è resa necessaria, a causa delle previsioni del tempo e i piloti sono partiti bene fin da subito. Implicitamente, puntavamo al podio e al quinto per la seconda auto. Quindi sì, alla fine, il risultato è del tutto in linea con le nostre aspettative. ”

Come valuta le prestazioni di Andreas Mikkelsen, al suo terzo rally del Citroën C3 WRC?

“Durante il test pre-evento, Andreas era molto entusiasta del potenziale della vettura su asfalto. Nonostante la sua mancanza di esperienza con la C3 WRC su questa superficie, è stato tra i più veloci fin da subito”.

Craig Breen sembra essere diventato uno specialista in quinto posto: sei felice con quello?

“Dopo una stagione promettente nel 2016, Craig ha confermato che si merita il suo posto tra l’elite del rally mondiale. Questa serie di sei quinti posti dimostra la sua capacità di gestire le gare dall’inizio alla fine”.

I Video di Motori.it

MIMO 2021: intervista a Andrea Levy

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.