Rally di Germania: Shakedown positivo per la Citroen

I piloti del Double Chevron hanno conquistato la seconda, quarta e quinta posizione

Parte con entusiasmo l’avventura Citroen al Rally di Germania, lo shakedown, propedeutico alla gara ha visto i piloti del Double Chevron protagonisti. La prova che si è svolta su una speciale di 5,12 km nella campagna della Saar è stata resa infida da un fondo fangoso che ha acuito le difficoltà per tutti gli equipaggi.

Nonostante tutto, i piloti Citroen sono riusciti ad emergere, in particolare Mikkelsen, secondo dietro a Neuville e davanti ad Ogier. Mentre Meeke e Breen hanno chiuso la prova in vista del rally, rispettivamente, in quarta e quinta posizione.

Mikkelsen è apparso il più rilassato, come si evince dalle dichiarazioni: “è stata una buona mattinata, e soprattutto abbiamo stabilito il secondo miglior tempo dello shakedown: quindi è abbastanza promettente. In seguito, abbiamo visto che la traiettoria si sporcava e non c’era possibilità di migliorare. Spero che domani non sarà così, perché le posizioni di partenza delle tre Citroën sono abbastanza lontane. In ogni caso, questa mattina ho trovato un buon feeling con la mia C3”.

Diversa la situazione di Meeke, che corre su un filo sottile e non può commettere errori. “Già dopo il passaggio della prima vettura, la strada si è ricoperta di uno strato di fango. È una cosa che potrebbe ripetersi durante il rally, e la sfida sarà ancora maggiore, avendo una posizione di partenza più lontana. Vedremo come evolve il meteo: potendo scegliere, preferirei che piovesse molto, in modo che l’acqua pulisca la strada con il passaggio delle vetture. Questa mattina abbiamo lavorato molto per adattare la vettura a queste condizioni”.

 

Nuova Citroen C3 2020: immagini ufficiali inedite Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Citroen C3 Aircross 2021

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.