Mercedes e Bosch: presentato il sistema di parcheggio automatico

Mercedes e Bosch hanno iniziato la sperimentazione del sistema di parcheggio automatico nel Museo della Casa della Stella a tre punte che dovrebbe essere operativo il prossimo anno.

Daimler (Mercedes) e Bosch – azienda tedesca leader nell’elettronica del settore automotive – hanno presentato un inedito e sofisticato sistema di parcheggio autonomo capace di agire nel traffico reale di tutti i giorni. Battezzato Automated Valet Parking, questo sistema è stato sperimentato nel parcheggio multipiano del Mercedes-Benz Museum di Stoccarda e permette di parcheggiare la vettura in remoto sfruttando un’app sul proprio smartphone. Una volta impartito il comando, la vettura si dirige in modo autonomo e senza l’ausilio del guidatore verso il posteggio assegnato.

Questo dispositivo risulta quindi un altro importante passo verso la guida totalmente autonoma, anche perché rappresenta la prima soluzione di questo tipo ad essere supportata da un’infrastruttura che punta ad offrire un innovativo servizio di parcheggio autonomo. A partire dal 2018, chi usufruirà del parcheggio del museo potrà sperimentare questo servizio risparmiando il tempo prezioso che si impiega nelle manovre di parcheggio.

“Ci stiamo avvicinando alla guida autonoma più velocemente di quanto molti possano immaginare” ha dichiarato Michael Hafner, Responsabile Automated Driving & Active Safety in Mercedes-Benz Cars Development che ha aggiunto: “Il parcheggio autonomo nel Mercedes-Benz Museum dimostra in modo straordinario i grandi passi avanti compiuti dalla tecnologia”.

Se il parcheggio della vettura risulta comodo e veloce, anche ritirare la propria auto sarà altrettanto pratico, basterà infatti “richiamare” l’auto dal proprio smartphone e il gioco sarà fatto. Grazie ai sensori installati nel parcheggio, il sistema dell’infrastruttura monitora il tracciato di guida e tutta l’area che si trova intorno, trasmettendo così i comandi alla vettura. Le tecnologie di quest’ultima permettono di eseguire i comandi nella massima sicurezza, arrestando in modo tempestivo l’auto in caso di emergenza.

Grazie a queste tecnologie si otterrà un utilizzo più efficiente dei posti dei parcheggi, considerando che le vetture riuscirebbero a posteggiare in tutta sicurezza  in spazi più ristretti, offrendo così la possibilità di accogliere fino al 20% di auto in più. Come accennato in precedenza, si risparmierebbe anche del tempo e di conseguenza si otterrebbe anche una diminuzione delle emissioni inquinanti.

La sperimentazione è iniziata lo scorso lunedì 24 luglio e continuerà fino alla fine dell’anno. Mercedes e Bosch prevedono che il servizio sarà disponibile al pubblico nel 2018, dopo che le autorità tedesche daranno il loro via libera.

Mercedes e Bosch: presentato il sistema di parcheggio automatico Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Mercedes Classe C 2021

Altri contenuti