WRC Portogallo: la Citreon di Breen è quinta dopo la seconda tappa

Il pilota irlandese perde una posizione per un testacoda ma rimane protagonista

Non è stato facile affrontare la seconda tappa del rally del Portogallo per Craig Breen e Scott Martin che hanno pagato la scarsa conoscenza del terreno perdendo una posizione. Nonostante tutto, il pilota irlandese ha sfruttato un paio di incidenti di gara per salire in classifica generale, arrivando all’assistenza di metà giornata in quarta posizione, a 46’’2 dal leader.

Molto più complicato il secondo passaggio, come dimostra l’Amarante 2 di 37,55 km, nella quale il portacolori Citroen  è andato in testa coda a causa di una scelta errata degli pneumatici, in questo modo ha  ceduto circa una ventina di secondi e così per 2’’8, Ott Tanak si è portato in quarta posizione.

Nella stessa tappa Stéphane Lefebvre si è concentrato sulla regolazione degli ammortizzatori per limitare la scarsa motricità della vettura, mentre Kris Meeke ha avuto qualche difficoltà nel ritrovare il feeling al volante. Nello specifico, chilometro dopo chilometro, Stéphane Lefebvre e Kris Meeke hanno tratto vantaggio dalle modifiche apportate durante l’assistenza di metà giornata, così il francese ha guadagnato fino a 8/10 al chilometro rispetto ai più veloci ed il britannico è migliorato di 4/10.

Khalid Al Qassimi, ha continuato la fase di apprendimento al volante della Citroën C3 WRC conservando la diciannovesima posizione in classifica generale.

Al comando del rally c’è il pilota della Ford Fiesta WRC Ogier, campione del mondo in carica, che precede un sempre più agguerrito Neuville, davanti all’altra Hyundai i20 WRC di Sordo, alla Ford Fiesta WRC di Tanak ed alla Citroen C3 WRC di Breen.

 

Nuova Citroen C3 2020: immagini ufficiali inedite Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Citroen C3 Aircross 2021

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.