WTCC: Rob Huff è carico per la gara di Budapest

Rob Huff è pronto per correre all’Hungaroring con la sua Citroen per tentare di tornare alla vittoria su questo tracciato nel WTCC.

Il WTCC arriva sul circuito dell’Hungaroring, un tracciato teatro di grandi sfide in tutte le categorie e perfetto per le auto derivate dalla serie del mondiale turismo. Tutti aspettano l’idolo di casa Norbert Michelisz, ma Rob Huff, che ha già trionfato nel 2013, è carico ed è pronto a dare battaglia con la sua Citroen C-Elysée.

“L’Hungaroring è una delle piste più belle per me perché è molto complicata. Ci sono un sacco di curve e varianti, questa è una via di mezzo fra quelle larghe e quelle strette, per questo mi aspetto una sfida serrata. Si dovrà lavorare bene sul set-up dell’auto. Ho bei ricordi di questo circuito, nel 2013 vinsi con la SEAT della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport e l’anno scorso ero in lotta con José María López per la vittoria, poi mi comminarono un drive-through. Anche Budapest mi piace molto, quando sono venuto qui per provare in inverno, ho deciso di restarci due giorni per visitarla”.

Parole che sono state il preludio al miglior tempo maturato alla fine della prime prove libere interrotte da una pioggia forte ed intermittente. Infatti, Rob Huff con la Citroën C-Elysée WTCC della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport ha girato in 1’50″609, risultando anche il più rapido tra i pretendenti del WTCC Trophy.

Comunque, siamo solamente all’inizio di un weekend che si annuncia molto interessante. Vedremo, nel corso delle prossime ore, se Huff riuscirà a mantenere questa sua leadership provvisoria.

 

I Video di Motori.it

MIMO 2021: intervista a Andrea Levy

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.