Agenda: auto storiche primi ‘900 nel bresciano

Dal 3 al 5 settembre, imperdibile raduno itinerarnte nel bresciano per veicoli costruiti prima del 1918. 100 capolavori tra il Garda e Verona

Dal 3 al 5 settembre, imperdibile raduno itinerarnte nel bresciano per veicoli costruiti prima del 1918. 100 capolavori tra il Garda e Verona

Chi si dovesse trovare nel bresciano il prossimo weekend, quello che va dal 3 al 5 settembre, non si perda la sesta edizione della Settimana Motoristica Bresciana, organizzata dall’Asi con il Musical Watch Veteran car Club di Brescia e la collaborazione del Club Bernardi di Verona e del Benaco Autoclassiche di Bardolino (Vr).

A questa manifestazione parteciperanno oltre 100 veicoli costruiti prima del 1918, scelti tra oltre 181 mezzi in lizza provenienti da tutt’Europa. Moto, tricicli, quadricicli, auto e, per la prima volta, autocarri, tra i quali spicca il 18BL del ’17 protagonista della prima guerra mondiale, in esposizione al Museo della Motorizzazione.

Una 3 giorni spettacolare definita dagli esperti di settore la “Londra Brighton italiana”, vista la qualità dei mezzi partecipanti. Come l’Itala della Pechino-Parigi, la Prinetti Stucchi vincitrice della Verona Brescia Verona del 1899 con Ettore Bugatti al volante, la monoruota Sycomore dalla Repubblica Ceca, la Milwaukee a vapore del 1900 dalla Francia e l’elettrica Dora del 1906.

Poi si festeggia il centenario della Chiribiri, fondata a Torino nel 1910, con la presenza di una Fiat Chiribiri 7.0 litri da 300 CV della collezione Righini, che nel 1912 stabilì il record del mondo sul chilometro lanciato a 162,963 km/h.

Naturalmente (e non poteva essere altrimenti) piloti e passeggeri partecipano in abiti d’epoca e le gentili signore esibiscono vestiti, acconciature e cappelli in grado di creare un’atmosfera davvero romantica.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.