Immatricolazioni aprile: fine incentivi, vendite giù

Andrea Barbieri Carones
17 Maggio 2010
Immatricolazioni aprile: fine incentivi, vendite giù

I dati dell’associazione europea dei costruttori auto (Acea) ad aprile mostrano un meno 7,4%. Male Italia e Germania. Galleggia la Francia

I dati dell’associazione europea dei costruttori auto (Acea) ad aprile mostrano un meno 7,4%. Male Italia e Germania. Galleggia la Francia

Come previsto, calano le immatricolazioni di automobili all’interno dell’Unione europea. I dati relativi ai 27 paesi membri – con l’esclusione di Cipro e Malta – mostrano una diminuzione del 7,4% a 1.134.701 veicoli da 1.225.731. I dati, relativi al mese di aprile, sono raffrontati con lo stesso mese dell’anno scorso e rappresentano la prima flessione in 10 mesi.

Paragonando invece i primi 4 mesi del 2010 con lo stesso periodo del 2009, l’Associazione europea dei costruttori di auto (Acea) ha reso noto che le immatricolazioni sono salite del 4,8%, passando da 4,58 a 4,80 milioni.

Più preoccupanti i dati Fiat: se ad aprile la diminuzione è stata del 27,3% (da 120.499 a 87.630) nel primo quadrimestre la flessione è stata del 3,6% (da 425.253 a 409.947), cosa che ha portato anche alla perdita di alcuni punti percentuali nelle quote di mercato nel vecchio continente: considerando aprile su aprile, sono passate dal 9,8 al 7,7%, mentre su marzo 2010 erano all’8%. [!BANNER]

Ancora maggiore la flessione del mercato tedesco, che resta comunque al primo posto in Europa: ad aprile 2010 ha segnato un preoccupante meno 31,7% con 259.414 immatricolazioni. Al secondo posto la Francia, con 190.917 immatricolazioni (più 1,9% su aprile 2009). Contrazione per l’Italia, che ad aprile scende del 15,7% a 159.971 auto.

I dati generalmente negativi sono legati anche alla fine degli incentivi statali, che in Italia sono terminati il 31 marzo scorso.

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

Ti potrebbe interessare anche

page-background